Il noleggio dei Film su iTunes, un business da un miliardo di dollari… nel 2015

di Redazione 10

Abbiamo sempre guardato al fenomeno del noleggio dei Film in iTunes con un certo distacco, almeno fin quando non è approdato anche in Italia, dov’era atteso con estrema impazienza.

Ora che quest’ennesimo servizio dell’iTunes Store è approdato anche nel Bel Paese, non saprei dire con certezza quanti utenti lo usino con regolarità: tuttavia non si può negare che l’ottima esperienza d’acquisto messa a punto da Apple non possa che invogliare molti di voi a provarci almeno una volta, magari con il Film della Settimana che spesso propone qualche classico ad un prezzo irrisorio (0,99€).

In generale, però, non può certo dirsi che il business del noleggio film attraverso iTunes Store sia una delle colonne portanti della solidità finanziaria di Apple; probabilmente, Jobs e soci guardano a questo servizio ancora come un hobby, come accade con l’Apple TV, almeno fin quando non decollerà a pieno. E secondo alcuni, serviranno ancora 5 anni per avere un business miliardario.

A predire il lento successo è Brian Marshall, analista della Gleacher & Co, che ha tirato ad indovinare; secondo lui, Apple noleggia circa 475.000 titoli al giorno, che garantiscono ad Apple un ritorno di circa 60 milioni di dollari a trimestre.

Si tratta ovviamente di cifre positive per un servizio relativamente nuovo, che sembra tra l’altro ripercorrere gli stessi trend di crescita che hanno premiato Netflix nel corso del tempo; se a ciò ci aggiungiamo la crescente popolartià dell’Apple TV e il successo dei dispositivi mobile di Apple, allora potremmo scommettere che il noleggio in iTunes tocchi il miliardo nel giro di pochi anni.

Secondo l’analista:

“Negli ultimi 5 anni, gli utenti Netflix sono quintuplicati, mentre le entrate sono più che triplicate. Se Apple riesce ad accrescere il suo business in maniera analoga, il fatturato annuo del servizio di noleggio in iTunes potrebbe superare il miliardo di dollari di fatturato entro il 2015”.

Assumendo che Apple si assicuri il canonico 30%, questo significherebbe un ulteriore introito di circa 300 milioni di dollari ogni anno.

[via]