iPhone 6: Apple lavorerebbe con American Express per un nuovo sistema di pagamenti

di Giovanni Biasi Commenta

L'annuncio sarebbe atteso per il 9 Settembre prossimo, stesso giorno di presentazione di iPhone 6.

pagamenti iphone 6

Ormai ci separa poco più di una settimana dalla presentazione di iPhone 6, che si terrà in un evento ad-hoc il prossimo 9 Settembre, ma nonostante questo i rumor e le indiscrezioni riguardanti il nuovo dispositivo non ci pensano neanche a fermarsi. Le informazioni di oggi arrivano dal sempre affidabile re/code: secondo la testata, Apple avrebbe raggiunto un accordo con American Express per la realizzazione di un nuovo sistema di pagamenti installato nel nuovo iPhone – la notizia proverrebbe da fonti vicine alla cosa. E la partnership a quanto pare non si fermerebbe ad American Express: pare che Apple, prima di lanciare la nuova piattaforma di pagamento, abbia la necessità di raggiungere accordi con molti altri marchi legati al circuito delle carte di credito. 

Ma di cosa si tratta nello specifico? Beh, è semplice: sempre secondo quanto afferma re/code, il nuovo sistema di pagamento Apple dovrebbe permettere agli utenti di iPhone 6 di usare il proprio smartphone al posto di una carta di credito o di denaro contante. Gli acquirenti presenterebbero il cellulare alla cassa e le informazioni per il pagamento verrebbero trasmesse via software al venditore autorizzato (e non è ancora chiaro, ancora, quali rivenditori abbiano firmato con Apple per accettare tali forme di pagamento).

Apple, a quanto pare, avrebbe già discusso con diversi circuiti di carte di credito per portare avanti la cosa: qualche tempo fa, ad esempio, era il sito web The Information a parlare di un accordo tra la casa di Cupertino e Visa.

L’introduzione di un sistema di pagamento simile significherebbe la fine di anni di speculazioni riguardo quando Apple si sarebbe decisa a sfruttare tutte le informazioni delle carte di credito salvate su iTunes e App Store, per creare una piattaforma propria. Le fonti affermano che Apple, prima di poter procedere, avrebbe bisogno dell’approvazione da parte del circuito delle carte di credito, o da parte della banca a cui sono legate le informazioni di un utente.

Ormai manca davvero poco al 9 Settembre.

via | re/code