Alimentatori per smartphone: Apple aderisce allo standard europeo

di Andrea "C. Miller" Nepori 11

Apple e altri grandi produttori di dispositivi di telefonia mobile hanno sottoscritto un accordo voluto dall’Unione Europea al fine di standardizzare il formato dei caricabatterie per cellulari.
L’accordo prevede che i produttori implementino connettori micro USB sui propri dispositivi in modo che gli utenti possano utilizzare lo stesso caricatore per alimentare telefoni di marche differenti.
In un primo momento la novità riguarderà solamente gli smartphone sebbene l’accordo rientri in un disegno più grande volto ad introdurre uno standard di caricabatterie universale più ecologico e funzionale entro il 2012. Fra i grandi nomi coinvolti, oltre ad Apple, troviamo anche RIM e Nokia.

I prodotti Apple interessati da questo cambiamento saranno iPhone e iPod touch. Ovviamente non vedremo scomparire la connessione Dock dall’oggi al domani: con ogni probabilità Apple si limiterà ad aggiungere un convertitore Dock-micro USB nelle confezioni degli iPod touch e degli iPhone venduti nel vecchio continente. L’accordo inoltre non è legalmente vincolante ma è frutto di adesione volontaria e non impedirà ad Apple e ai produttori di terze parti di continuare a vendere caricatori USB con cavo Dock.

La Comunità Europea ha voluto andare in questa direzione al fine di tutelare i consumatori che in questo modo potranno utilizzare un solo caricabatterie per modelli differenti di telefoni cellulari. La conseguenza diretta sarà sarà anche una drastica riduzione degli sprechi e del conseguente inquinamento derivante sia dalla fase di produzione che dalla trasformazione in rifiuto elettronico dei trasformatori e degli alimentatori più obsoleti.

Il parere del commissario europeo Guenter Verheugen riassume efficacemente la questione:
“Gli utenti non dovranno più buttare via il loro caricabatterie ogni volta che compreranno un nuovo telefono”.