iOS 9.3 pieno di bug? Apple non ci sta

di Luigi De Girolamo 3

Nel corso di un'intervista rilasciata al The Talk Show di John Gruber, Eddy Cue e Craig Federighi hanno rispedito al mittente le critiche spesso e volentieri prevenute da parte di utenti e addetti ai lavori per quanto riguarda i rilasci software di Apple

iOS 9.3

Le critiche costruttive fanno sempre bene, quelle prevenute no. Sembra essere questo il succo di una recente intervista rilasciata al The Talk Show di John Gruber, Eddy Cue e Craig Federighi, per quanto concerne i presunti bug di iOS 9.3 e di tutti i pacchetti software che Apple ha messo a disposizione del pubblico nel corso degli ultimi mesi.

La questione a loro modo di vedere è piuttosto semplice:

“Ogni anno quello che abbiamo realizzato pochi mesi prima può diventare già obsoleto, per questo lavoriamo sempre per offrire il meglio ai nostri utenti. E’ vero che possono esserci dei piccoli bug, ma il nostro obiettivo è di correggerli e di aggiornare quanto prima le varie versioni dei nostri software. Fino a qualche anno fa non era così, ma ora ogni piccolo bug di un software Apple viene amplificato a dismisura dai media che si occupano di tecnologia. Prima, questo non succedeva e ad ogni cosa veniva data la giusta importanza”.

Al dì là dei problemi che possono aver effettivamente colpito iOS 9.3 e tutti gli altri software rilasciati da Apple, è oggettivo che i problemi riguardanti il brand di Cupertino tendono ad avere un eco mediatico diverso, se si pensa che ogni giorno possessori di modelli Android hanno modo di lamentarsi per i vari bug che pregiudicano il corretto funzionamento dei device.

Staremo a vedere quali saranno nel corso delle prossime settimane i feedback che verranno rilasciati da coloro che avranno modo di testare la versione definitiva di iOS 9.3, auspicando che gli sviluppatori risolvano buona parte dei bug che sono stati segnalati di recente.