Liquid Metal, Apple alla ricerca di esperti del settore

di Andrea "C. Miller" Nepori 3

Apple è alla ricerca di esperti nel campo dei metalli amorfi che possano lavorare alla prototipazione e produzione di prodotti che utilizzano i Liquid Metal, particolari leghe di metallo non cristalline super resistenti e durevoli per le quali Apple ha acquisito i diritti di sfruttamento nel settore dell’elettronica di consumo poco più di un mese fa.

Le offerte di lavoro, scovate da Apple Insider, sono tre. L’azienda ha bisogno di un Amorphous Metal Development Manager di un Metal Process Development Engineer e di un Amorphous Metal Development Engineer. Le prime due posizioni sono definite “ad alta visibilità”, segno dell’importanza di queste nuove figure all’interno del processo di progettazione dei futuri prodotti Apple.

L’esperienza nel settore richiesta da Apple è particolarmente lunga: il manager deve avere almeno dieci anni di lavoro nell’ambito della lavorazione e nella progettazione dei metalli. Per gli ingegneri “bastano” sette anni di esperienza. Personale altamente qualificato, dunque, per poter sperimentare in una direzione particolarmente innovativa, che a questo punto potrebbe essere il passo successivo dopo l’introduzione della procedura Unibody nel 2008.

La LiquidMetal Technologies, la spin off del CalTech che si è occupata della commercializzazione del prodotto e del know how, aveva già collaborato con altre aziende, sia nel settore informatico che in altri (Omega ha usato la lega in una linea di orologi), ma l’approccio di Apple segna una svolta nella storia recente di una tecnologia che, per quanto promettente, non è mai davvero decollata. Non a caso i soldi versati da Cupertino nelle casse della Liquid Metal per l’uso in licenza della tecnologia hanno permesso all’azienda di saldare debiti piuttosto ingenti.