Mac OSX installato su ASUS EEE PC

di Andrea "C. Miller" Nepori 3

asuseeepc701_01.jpg

Qualche tempo fa vi avevo parlato della possibilità di installare Leopard, che allora era uscito da pochissimi giorni, su un qualunque PC. Ad oggi c’è chi si è spinto oltre, e non volendo aspettare il tanto atteso sub-notebook che Steve Jobs dovrebbe presentare al prossimo Mac World, ha pensato bene di installare OS X sul nuovo piccolissimo ASUS Eee PC, che originariamente viene venduto con una versione di Linux preinstallata.

Il piccolo computer della ASUS non ha delle prestazioni elevatissime: ha un processore da 900Mhz e monta di default 512 GB di Ram ( costa solo 399$ del resto); per questo motivo il blogger che ha condotto questo esperimento ha preferito eseguire un downgrade a Tiger dopo un tentativo di installazione di Mac OSX 10.5.
Il procedimento, svolto seguendo l’interessante tutorial pubblicato da LifeHacker non sembra eccessivamente complicato per chi possiede un minimo di conoscenza informatica e il risultato è sicuramente notevole: un buon computer dal consumo ridottissimo ed estremamente portatile che riesce a far girare uno dei migliori sistemi operativi esistenti.
Il blogger autore dell’ esperimento rassicura coloro che potrebbero essere preoccupati di rovinare il proprio Eee PC installando Mac OS X: Asus incoraggia gli utenti ad installare Windows sul proprio sistema, pertanto il computer è venduto con un disco di ripristino che automaticamente riporterebbe tutto alla condizioni di fabbrica se qualcosa andasse storto durante l’ installazione del sistema operativo Apple.

Notevolmente incuriosito, con l’idea di farmi un regalo di Natale un pò particolare, sono andato su eBay per cercare il sub-notebook della ASUS. Come succede quasi sempre in questi casi, ho trovato pochi oggetti in vendita, quasi tutti a prezzi eccessivi e in troppi casi spediti da luoghi sospetti, come Cina e Taiwan.
Non mi resta che aspettare trepidante, insieme a tutti gli amanti della mela, il KeyNote di gennaio, sperando nell’ annuncio del subnotebook ufficiale di Cupertino.

Ho il dovere di fare una precisazione: questo hack non è prettamente legale, dal momento che Apple vieta espressamente di installare il proprio software su hardware di terze parti; tenetelo bene a mente se avete voglia di avventurarvi nel mondo Hackintosh !