Plex: Apple assume uno sviluppatore del client per Apple TV

di Lorenzo Paletti Commenta

La Apple TV di ultima generazione è stata introdotta a settembre 2010. Monta lo stesso processore A4 che condividono anche iPhone 4, iPod touch di quarta generazione e iPad, e monta una versione speciale di iOS con una interfaccia grafica che ricalca quella della vecchia Apple TV. Nonostante le molte somiglianze con gli iDevice, però, alla Apple TV manca ancora un App Store dedicato, che permetta di acquistare applicazioni per il proprio televisore alle quali accedere tramite un pulsante del telecomando. Proprio per questo chi volesse cercare nuove funzioni non supportate ufficialmente dal media center di Apple dovrebbe prima effettuare il jailbreak di Apple TV.

Tra i software più installati sulle Apple TV jailbroken c’è certamente il client di Plex, il celebre Media Center per Mac OS e Windows, che permette di accedere alla propria libreria (organizzata dallo stesso Plex con metadati e copertine) e riprodurre formati video originalmente non supportati dal media center. Proprio uno degli sviluppatori di Plex per Apple TV, in arte ccjensen, è stato assunto da Apple negli scorsi giorni.

A darne notizia è uno dei moderatori del forum di Plex e developer del client, b0bben, che ringrazia quello che è ora un dipendente Apple per il fondamentale supporto nello sviluppo del codice dell’app: “Il suo codice fantastico sarà sempre di ispirazione per noi e le feature che ha portato vi aiuteranno sempre a godere il vostro porno in un modo easy-to-use in stile Apple. Una delle cose positive riguardo Chris ad Apple è il fatto che ora abbiamo un uomo nella compagnia che spingerà per avere un App Store sulla ATV. Grazie per l’aiuto, Chris, questo client non sarebbe dov’è senza il tuo contributo.”

Non è la prima volta che Apple assume sviluppatori al lavoro su device jailbroken. Proprio nelle scorse settimane Cupertino ha assunto Peter Hajas, sviluppatore di Mobile Notifier, un’app distribuita tramite Cydia che forniva delle funzioni simili a quelle che sono poi state presentate in Notification Center.