Aumentano i prezzi su Apple Store UK

di Luca Iannario 10

Stamani diversi Apple Store online dei paesi europei (tra cui UK, Francia, Spagna, Portogallo, Italia) sono stati irraggiungibili per diverse ore, come accade di solito per operazioni di manutenzione e/o aggiornamenti e introduzioni di nuovi prodotti.

Le speculazioni per l’introduzione di nuovi prodotti sono state quasi subito scartate dal fatto che gli store del Nord America e dell’Asia erano perfettamente funzionanti. Infatti, questa volta si è trattato di un aumento dei prezzi per quanto riguarda lo store della Gran Bretagna.

Non per chissà quale dispetto nei confronti dei cittadini del Regno Unito, ma semplicemente per un adeguamento del listino in seguito all’aumento del VAT (equivalente dell’IVA italiana) dal 17,5% al 20%, a partire proprio da oggi. Di conseguenza, i prezzi sono stati aumentati per rispecchiare la differente aliquota fiscale.

Come si può facilmente intuire dall’esiguo aumento di 2,5 punti percentuali, l’adeguamento dei prezzi non è sconvolgente. Per fare qualche esempio, un iPhone 4 da 16GB costa 11 sterline in più mentre un iPad 16GB (solo Wi-Fi) 10 sterline in più. L’impatto è leggermente più evidente sui computer: i MacBook Pro e gli iMac hanno subito un aumento minimo di 21 sterline, mentre per acquistare un Mac Pro saranno necessarie almeno 40 sterline in più.

Diversi addetti ai lavori si aspettavano che Apple avrebbe lasciato inalterati i prezzi al pubblico anche a fronte di un aumento delle tasse, poiché il margine è già superiore rispetto agli Stati Uniti. Tuttavia, evidentemente per coerenza, un recente aumento del GST in Nuova Zelanda dal 12,5% al 15% si era tradotto in un adeguamento dei prezzi anche per i clienti oceanici.

Non risulta tuttavia chiaro il motivo per cui è stato scelto di interrompere il servizio in molti altri paesi europei che non hanno subito alcun aumento dei prezzi di listino.

[via]