Plain Cloud e iClouDrive, iCloud “svelata” su OS X

di Andrea "C. Miller" Nepori 3

Nello scrivere il mio articolo di ieri sulla possibilità di utilizzare iCloud come Dropbox, mi sono imbattuto in un paio di tool abbastanza utili che vanno più o meno nella stessa direzione, semplificando notevolmente il meccanismo di condivisione dei file fra Mac con iCloud.
Plain Cloud è un’utility semplicissima che permette di tenere sotto controllo le app compatibili con iCloud e i loro file condivisi. iClouDrive è un’applicazione che invece permette di creare una cartella di condivisione (proprio come quella di Dropbox) sincronizzata con iCloud.ù

Plain Cloud

Come avete avuto modo di leggere nel mio articolo di ieri, iCloud crea una cache locale dei file condivisi dalle applicazioni nella cartella Mobile Documents, all’interno della Libreria dell’utente.
Plain Cloud altro non fa che leggere quella cartella e presentarne il contenuto in maniera più organica, con un elenco ben organizzato di tutte le applicazioni che hanno generato una propria folder all’interno di Mobile Documents.

E’ più o meno quello che fa anche il pannello della gestione di iCloud cui si può accedere attraverso le Preferenze di Sistema. A differenza di quello Plain Cloud permette di interagire velocemente con tutte le cartelle app presente all’interno di Mobile Documents, aprendo la folder corrispondente nel Finder quando si clicca sul nome dell’applicazione.

Utile per avere un riferimento semplice e immediato e per accedere rapidamente a cartelle attraverso le quali è possibile condividere file con le applicazioni iOS corrispondenti (come Documents By Readdle e GoodReader, ad esempio).

Plain Cloud è gratuita e si può scaricare gratuitamente dal sito dello sviluppatore.

iClouDrive

Se Plain Cloud si limita a facilitare l’accesso alle cartelle applicazioni all’interno di Mobile Documents, iClouDrive permette invece di creare una cartella speciale di condivisione molto simile a quella generata da Dropbox.

Alla prima apertura l’applicazione guida l’utente attraverso un rapido procedimento di setup. Al termine dell’installazione, se così si può chiamare, nella home folder sarà comparsa la cartella iClouDrive, che ora sincronizzerà il proprio contenuto con iCloud.
Per poter vedere la stessa cartella su tutti i propri computer sarà necessario ripetere l’operazione di installazione anche su tutti gli altri iMac connessi ad iCloud su cui desideriamo attivare la condivisione.

Per disabilitare il servizio è sufficiente cancellare tutti i file presenti nella cartella (altrimenti non si cancelleranno da iCloud automaticamente e continueranno a occupare spazio online) e poi trascinare la folder iClouDrive nel cestino.

Anche iClouDrive è completamente gratuita e si può scaricare dal sito dello sviluppatore.

E’ importante tenere di conto che questo tool sfrutta una possibilità non ufficialmente supportata da iCloud. E’ bene saperlo per non affidarsi troppo a funzionalità che Apple potrebbe modificare senza alcune preavviso. In buona sostanza è sufficiente non contare su iClouDrive per la sincronizzazione di file importanti che non potete assolutamente permettervi di perdere.