macOS, spunta un bug per le importazioni foto sul Mac

di Gio Tuzzi Commenta

In queste ore è stato notato un bug relativo al sistema operativo macOS e che riguarda nel dettaglio l’aumento sproposito, senza alcun tipo di motivo, del peso delle foto importate sul Mac.

Il problema principale è che tale bug si verifica praticamente con tutte le applicazioni esistenti. Qualora quindi abbiate notato un improvviso calo di spazio di archiviazione sul vostro Mac, non disperate, perché il problema potrebbe essere a questo punto riconducibile a questo nuovo bug di macOS che praticamente riempie di dati fasulli le fotografie importate sul Mac. Si tratta quindi di un errore che rischia di riempire senza alcun reale motivo la memoria del vostro computer di casa Apple.

macos

Il nuovo bug scoperto su macOS

Inizialmente si pensava che questo problema fosse legato strettamente all’app di Acquisizione Immagini che ritroviamo integrata su ogni Mac, ma la realtà risulta essere ben diversa. Il bug infatti risulta essere presente con tutte le app che utilizzano il framework di Apple ImageCaptureCore, dunque Adobe Lightroom, Affinity Photo, PhaseOne Media Pro e perfino i vecchi iPhoto e Aperture. Al momento l’unica applicazione immune risulta essere Foto, ma perché principalmente si fonda su un set di API non documentabili e non accessibili agli altri sviluppatori.

Come agisce questo nuovo bug?

Cosa accade quindi più nello specifico? Il bug si palesa quando si tenta di acquisire immagini HEIC da iPhone, iPad o fotocamere:qui, senza alcun tipo di motivo, il sistema aggiunge 1,5 MB di dati fasulli all’inizio ed alla fine dell’immagine, aumentando in questo modo lo spazio occupato dal file. Qualcuno può pensare come 3MB non siano assolutamente tanti, ma è un dato che bisogna inevitabilmente moltiplicare per le migliaia di foto che campeggiano sul computer, e il risultato potrebbe assommarsi a 10-20GB di spazio buttato letteralmente via, e forse perfino di più.

Apple sta già lavorando ad una soluzione concreta a tale problema, chiaramente puntando su un nuovo aggiornamento software per macOS che possa in questo modo far ritornare tutto alla normalità. E’ consigliabile, prima che arrivi questo nuovo update, di mettere praticamente in standby le varie acquisizioni di immagini, scegliendo qualche alternativa ad iCloud, e attendendo questo nuovo aggiornamento macOS che non dovrebbe tardare ad arrivare.