Shaw Wu: nuovi iMac in ritardo per colpa della CPU

di Andrea "C. Miller" Nepori 13


In molti si aspettavano che Apple, in occasione del keynote del 6 gennaio scorso, svelasse, fra le altre cose, una nuova versione di iMac. Shaw Wu, analista finanziario della nota firm Kaufmann Brothers, sostiene che il ritardo nell’arrivo di una versione rinnovata dell’all-in-one di Apple è da attribuirsi a tre ragioni. Prima fra tutte l’indecisione da parte di Apple circa l’implementazione di una CPU a 2 o 4 core nel modello di iMac che verrà.

A Cupertino, secondo quanto riportato dall’analista in un memo inviato ai clienti della propria firm, non riuscirebbero a prendere una decisione: implementare un processore a due core sui nuovi iMac, rischiando di rimanere indietro sulla concorrenza (la scorsa settimana Intel ha presentato nuovi processori Quad Core che si ipotizzava dovessero finire proprio sugli iMac di nuova generazione), oppure montare sui nuovi all-in-one una CPU Core 2 Quad, rischiando di andare ad invadere in parte il target di vendita dei Mac Pro entry level?

Shaw Wu afferma erroneamente che il Mac Pro entry level è dotato di quattro core, senza considerare che il da gennaio 2008 il bestione di Apple è dotato di una doppia CPU Quad per un totale di otto core.

Imprecisioni a parte, l’analista indica altre due ragioni alla base del ritardo nel lancio dei nuovi iMac:

  • Snow Leopard: Apple starebbe aspettando di poter lanciare i nuovi computer insieme al sistema operativo, in modo da poter sfruttare al massimo i core multipli dei processori grazie alla tecnologia Grand Central.
  • I Mac sono soggetti a surriscaldamento e dunque Apple sta riprogettando il sistema di raffreddamento degli iMac in modo da poter aumentare la potenza e le prestazioni senza rischiare una dissipazione insufficiente del calore.

Non è ben chiaro da quali fonti Shaw Wu abbia ottenuto queste informazioni ma il fatto non deve stupire in quanto è pur sempre di un analista finanziario che stiamo parlando. In conclusione Wu afferma che i nuovi iMac dovrebbero vedere la luce a marzo o a giugno al più tardi. Vedremo se l’ipotesi si rivelerà corretta o se invece la sfera di cristallo appannata non ha permesso al veggente di turno di analizzare con precisione il futuro in casa Apple.