WhatsApp introduce le spunte blu per i messaggi letti

di Andrea "C. Miller" Nepori 3

Tempi duri per la serenità dei rapporti di coppia. Come se non bastassero Facebook, Twitter e gli altri social, ora ci pensa WhatsApp a girare il dito nella piaga, con l'introduzione della spunta blu che indica l'avvenuta lettura del messaggio inviato e correttamente ricevuto.

Sono solo due piccole spunte azzurre, ma cambiano tutto. E’ la nuova indicazione dell’avvenuta lettura di un messaggio, introdotta poche ore fa da WhatsApp. Una singola spunta grigia, e sai che il messaggio è stato inviato. Due spunte grigie e il messaggio è stato ricevuto (ma non letto, come pensavano in tanti, fino ad oggi). Due spunte grigie colorate di blu e non c’è più scampo: il messaggio è stato inviato, ricevuto e letto dal destinatario.

whatsapp-spunte-lettura-messaggi

I paranoici digitali hanno di che gioire, perché oltre alle spunte molto più precise WhatsApp ha introdotto anche un menu “Info”, accessibile tenendo premuto il dito su un messaggio, che specifica nel dettaglio data e ora dell’avvenuta consegna e – tremate – dell’avvenuta lettura.

Niente più scuse, insomma. L’aleatorietà di Whatsapp, motivo per cui molti lo preferivano, ad esempio, alla pignoleria della chat di Facebook, svanisce definitivamente.

messaggio letto

Quel che è peggio è che la novità è già stata introdotta su tutti i dispositivi, senza distinzione di piattaforma, senza alcun aggiornamento dell’applicazione. Aprite Whatsapp sul vostro iPhone e vedrete che i messaggi più recenti già riportano la famigerata spunta blu. Tenete premuto il dito su un messaggio ed eccolo lì, il nuovo (e già temutissimo) menu “Info”.

La motivazione ufficiale addotta da Whatsapp per il cambiamento, che arriva dopo innumerevoli indiscrezioni che lo davano per imminente, è comprensibile e condivisibile: troppi utenti confondevano la doppia spunta grigia con un’indicazione di avvenuta lettura. Ora non ci sarà più quel rischio.
In altre parole, per chi non avesse inteso, d’ora in poi le scenate di gelosia avranno basi molto più solide e potranno contare su prove  – “mi hai detto che non lo hai letto, e invece sì” – impossibili da smontare.