Schiller: iPad mini non è stato dettato dalla concorrenza

di Lorenzo Paletti 2

Le nuove udienze del processo Apple VS Samsung ci regalano ancora qualche sguardo dietro le quinte di Cupertino, dove gli ingegneri di Apple disegnano segretamente tutti i dispositivi marchiati con la mela. Durante il suo ultimo intervento, il Senior VP per il Marketing di Apple Phil Schiller ha parlato di iPad mini.

Schiller ha sostenuto che le copie di iPhone e iPad hanno danneggiato l’immagine che ha Apple nel mondo, diluendo il brand di Cupertino. Con i dispositivi di Samsung copiati da Apple, era difficile per iPhone e iPad fare colpo sugli acquirenti, portando gli utenti a “porsi domande sulla nostra abilità nell’innovare o nel creare prodotti di design”.

Schiller aggiunge:

È stato più difficile per noi raggiungere nuovi clienti e farli entrare nel nostro ecosistema. [Il primo Galaxy] appariva esattamente come iPhone, così tanto che la gente ha cominciato a confonderli.

Schiller ha poi parlato anche di iPad mini. Samsung ha cercato di utilizzare il dispositivo da 7,9 pollici di Apple come prova che la compagnia ha risposto alle copie di Samsung imitando le idee vincenti dei suoi concorrenti, come quella di vendere un tablet con un display più piccolo rispetto ai 9,7 pollici di iPad. Bill Price, l’avvocato dei coreani, ha mostrato uno scambio di mail in cui i dirigenti di Cupertino parlavano della possibilità di produrre un tablet di piccole dimensioni, ma Schiller ha sostenuto che “iPad mini non è stato costruito così per la concorrenza”.

Il processo Apple VS Samsung prosegue in queste settimane, dopo che il giudice Lucy Koh aveva ritenuta inopportuna la somma di 1 miliardo di dollari che Samsung avrebbe dovuto pagare ad Apple per danni. Koh ha quindi deciso di proseguire con le udienze per definire correttamente la cifra. Apple chiede ora 379 milioni di dollari, mentre Samsung punta a pagarne solo 52 milioni.

[via]