Oracle e Apple annunciano il progetto OpenJDK per Mac OS X

di Luca Iannario 6

Nella seconda metà del mese di ottobre Apple aveva annunciato ufficialmente, tramite le note di rilascio di un aggiornamento, di rinunciare allo sviluppo delle future versioni della Java Virtual Machine per Mac OS X. In quell’occasione era emersa addirittura l’ipotesi della mancanza di Java nei futuri sistemi operativi dell’azienda di Cupertino.

Con l’annuncio di oggi, tuttavia, tale ipotesi sembra essere tramontata visto che Apple e Oracle (che recentemente ha acquisito Sun e, di conseguenza, la piattaforma Java) hanno raggiunto l’accodo per il progetto OpenJDK su Mac OS X. L’accordo prevede che l’azienda di Cupertino fornisca la maggior parte delle componenti chiave, dei tool e della tecnologia richiesta per l’implementazione di Java SE 7 su Mac OS X, inclusa una JVM (Java Virtual Machine) a 32 bit e a 64 bit basata su HotSpot, librerie, uno stack di rete e le basi per un nuovo client grafico.

Grazie a OpenJDK, che metterà a disposizione pubblicamente la tecnologia Java di Apple, la comunità di sviluppatori (con Oracle in prima linea) potrà apportare il proprio contributo per fare in modo che Java continui ad esistere all’interno di Mac OS X. Come ha dichiarato Bertrand Serlet, Senior VP del Software Engineering di Apple, “Siamo entusiasti di collaborare con Oracle e garantire così che ci sia sempre una versione eccezionale di Java sul Mac. Il modo migliore per i nostri utenti di avere sempre la versione più aggiornata e sicura di Java sarà averla direttamente da Oracle”.

Anche Oracle mostra il suo apprezzamento per l’accordo raggiunto. “Siamo lieti di accogliere Apple e il suo importante contributo alla crescente comunità OpenJDK”, ha dichiarato Hasan Rizvi, Senior VP of Development di Oracle. “La disponibilità di Java su Mac OS X svolge un ruolo fondamentale nell’impegno multipiattaforma della tecnologia Java. Vogliamo inoltre rassicurare la comunità di sviluppatori Java sul fatto che l’ambiente Java d’avanguardia sarà disponibile su Mac OS X anche in futuro. Dopo l’ingresso di IBM nella comunità OpenJDK il mese scorso, il progetto ora può contare sul sostegno di tre dei più importanti protagonisti del mondo software.”

In base all’accordo, Java SE 6 continuerà ad essere disponibile per Snow Leopard e Lion direttamente tramite Apple, mentre da Java SE 7 in poi sarà possibile scaricare tutto l’occorrente dai server Oracle.