Nuovi marchi registrati da Apple: ecco un elenco

di Luigi De Girolamo Commenta

Nuovi marchi registrati da Apple, al punto che a margine della presentazione degli iPhone 7 ed iPhone 7 Plus è spuntato in Rete un elenco. Andiamo a scoprirlo in modo più approfondito

An illustration of the Apple Inc. logo taken of January 30, 2015 in Lille.  AFP PHOTO / PHILIPPE HUGUEN        (Photo credit should read PHILIPPE HUGUEN/AFP/Getty Images)
An illustration of the Apple Inc. logo taken of January 30, 2015 in Lille. AFP PHOTO / PHILIPPE HUGUEN (Photo credit should read PHILIPPE HUGUEN/AFP/Getty Images)

Nelle scorse ore abbiamo conosciuto le principali caratteristiche dei nuovi iPhone 7 ed iPhone 7 Plus, visto che Apple durante l’evento di San Francisco ha svelato le proprie carte per quanto concerne il mercato smartphone.

Circoscrivere a questi progetti le nuove mire dell’azienda americana sarebbe tuttavia sbagliato, visto che a margine dell’appuntamento del 7 settembre sono stati diversi i marchi registrati dal produttore.

Stiamo parlando solo di un leak che sta girando in giro per il web da alcune ore a questa parte, ma chi l’ha riportato ha ribadito a più riprese che si tratta di una fonte affidabile. Insomma, anche nei prossimi giorni Apple riuscirà a far parlare non poco di sé. Qui di seguito possiamo elencare i principali marchi che sono stati registrati da Apple nel corso delle ultime ore, cercando di coprire l’intero raggio d’azione che è stato messo nel mirino dal colosso di Cupertino:

• Apple Digital Touch
• Apple Smart Button
• Apple Swift Lab
• Apple Progress Card
• Apple Breathe
• Apple Smart View
• Apple Rich Links
• Apple Logic Pro
• Tap to Replace
• Control Strip
• Home Hub
• The Future of TV is Apps
• macOS Sierra
• iBooks Storytime
• Planet of the Apps
• AirPod Case
• Iris Image
• Bubble Effects
• Raise to Wake
• Vital Signs
• Designed by Apple in California

Non resta che attendere le prossime mosse di Apple, a partire dalla commercializzazione dei nuovi iPhone 7 ed iPhone 7 Plus che dovranno necessariamente invertire la rotta dopo dodici mesi non particolarmente incoraggianti per la mela morsicata. Staremo a vedere anche la risposta da parte dei principali concorrenti del produttore americano.