NPD: bene le vendite di Mac ad aprile, iPod in calo

di Luca Iannario 2

Come riporta Fortune, Gene Munster ha pubblicato i dati relativi ad una nuova indagine grazie alla quale sono state analizzate le vendite di Mac negli Stati Uniti avvenute durante il mese di aprile, attraverso le informazioni fornite da NPD.

Dai dati estratti dall’analista di Piper Jaffray emergono una forte crescita anno su anno di hardware Mac e un calo delle vendite di iPod più forte di quello previsto. Il minor numero di unità di iPod vendute sarebbe da attribuire all’effetto iPad e alla sua cannibalizzazione nei confronti dei prodotti portatili della Mela, evidentemente più accentuata rispetto alla cannibalizzazione nei confronti dei computer prodotti dall’azienda di Cupertino. Lo scenario che si sta delineando è, quindi, che i clienti Apple sono propensi all’acquisto di iPad e, allo stesso tempo, non rinunciano a portare a casa un Mac.

Come si legge nell’articolo originale, “Dai primi dati di NPD, sembra che iPad abbia un impatto minimo di cannibalizzazione sulle vendite di Mac e che potrebbe cannibalizzare leggermente quelle di iPod”.

Parlando di numeri, i dati di NPD (relativi esclusivamente al mercato statunitense) mostrano una crescita del 39% di Mac venduti rispetto ad aprile 2009 (contro il 19% previsto dagli analisti di Wall Street). Tale crescita potrebbe permettere all’azienda di Cupertino di vendere oltre 3 milioni di Mac durante il trimestre corrente.

Come ha dichiarato Munster, “Crediamo che ci sarà una cannibalizzazione di Mac a lungo termine, ma sarà minima. Apple ha limitato con successo le funzionalità di iPad principalmente alla fruizione di contenuti, contro la creazione di contenuti su un Mac. Riguardo iPod, le dimensioni fisiche di un iPad forniscono un diverso e significativo valore (portabilità contro la dimensione dello schermo)”.

Rispetto allo scorso anno, le vendite di iPod sono diminuite del 17%, quasi il doppio rispetto alle previsioni elaborate a Wall Street.

[via]