Mac OS X 10.5.4 in arrivo prima dell’11 luglio?

di Andrea "C. Miller" Nepori 3

Mac OS X 10.5.4

Apple ha distribuito agli sviluppatori la seed 9E17 della versione 10.5.4 di Mac OS X, a circa dieci giorni dal rilascio della precedente beta fix. Con la release attuale sono stati risolti un paio di bug che erano stati rilevati nella seed precedente e come sempre da parte degli sviluppatori di Apple non sono stati segnalati problemi al momento del rilascio. Il nuovo major upgrade potrebbe inoltre vedere la luce prima dell’11 luglio, a poco più di un mese dal rilascio di Mac OS X 10.5.3.

Nella nuova seed di Mac OS X Leopard Apple ha aggiunto il supporto al servizio MobileMe e il nuovo major upgrade si integrerà con una nuova versione di iTunes, la 7.7, per offrire supporto completo alle nuove funzionalità di iPhone 3G. Si ipotizza che proprio perché legata alla distribuzione della nuova versione di iTunes e al supporto per il nuovo servio di sincyng online che sostituirà .Mac, il cui lancio è previsto per i primi giorni del mese prossimo, la versione 10.5.4 di Mac OS X potrebbe vedere la luce prima dell’11 luglio.

La nuova seed distribuita da Apple agli sviluppatori risolve due problemi relativi ad iCal. Nelle note Apple ha inoltre chiesto agli sviluppatori di focalizzare l’attenzione su eventuali problemi relativi ad Airport e al networking con i sistemi Windows. Apple, come già in occasione della distribuzione della seed precedente, ha chiesto un feedback da parte degli sviluppatori anche sul comportamento di altri componenti di sistema come Spaces, iChat, Mail e la suite iLife.

Nel frattempo i continui disservizi riportati dagli utenti del servizio .Mac suggeriscono l’avvicinarsi della transizione definitiva verso MobileMe. Al momento non è possibile iscriversi a .Mac, ma soltanto prenotare l’adesione alla nuova versione del servizio (79€ annui per il singolo utente o 119€ per il family pack).  Secondo quanto ipotizzato da setteB.IT Apple avrebbe potuto riservare una gradita sorpresa agli utenti italiani, localizzando nella nostra lingua il servizio, che nella versione precedente era disponibile solo in inglese, francese, tedesco e giapponese.