iTunes Store: accordo in vista fra Apple e Fox

di Andrea "C. Miller" Nepori Commenta

itunesstore.jpg

Con l’arrivo di dicembre NBC ha sospeso la vendita dei propri show sull’iTunes Store. Le trattative fra la Apple e altre major sembrano andare, però, in tutt’altra direzione. L’analista di Pali Research Richard Greenfield ha rivelato che l’azienda di Cupertino e la Twentieth Century Fox ( News Corp.) stanno “negoziando attivamente” i termini di un contratto per la distribuzione dei film prodotti dal big network cinematografico americano che sarà annunciato ad inizio 2008.

Il prolungamento della trattativa sarebbe motivato dalla volontà di non alterare il mercato delle vendite natalizie del settore dei DVD Home Video. Finora, fra le major di Hollywood, soltanto la Disney, di cui Steve Jobs è azionista di maggioranza, e la Paramount (Viacom) hanno accettato di vendere i propri film su iTunes.

L’accordo, sempre secondo l’analista di Pali Research, è stato possibile perchè Apple avrebbe ceduto sulla questione del prezzo: i film verranno venduti a 15$ mentre Steve Jobs, come riporta anche CrunchGear, avrebbe originariamente fatto pressioni per arrivare al massimo ad un prezzo di 9,99$. Attualmente è questo infatti il costo dei film disponibili sullo store di Apple; le nuove uscite cinematografiche sono l’unica eccezione e vengono prezzate 12,99$.

Ciò che potrebbe aver convinto Apple a raggiungere l’accordo è l’intenzione da parte delle major di lanciare sul mercato nuovi DVD Premium contenenti una versione digitale del film, compatibile anche con i dispositivi portatili. Accettando le condizioni di Fox, l’azienda di Cupertino si assicurerebbe che i file multimediali del nuovo formato dvd possano essere compatibili con iTunes, iPod e Apple TV.

 

1116_amazon-logo-1.jpg

Grazie a questa mossa, poi, iTunes Store rafforzerebbe ulteriormente la propria posizione nel crescente mercato della distribuzione on-line di contenuti digitali, in cui recentemente hanno fatto il proprio ingresso anche giganti del calibro di Amazon e Wal-Mart con l’apertura dei propri store di mp3 liberi da protezioni DRM.