iPhone 6S, 6 e 5S ricondizionati? Arriva una clamorosa bocciatura per Apple

di Luigi De Girolamo Commenta

iPhone 6S, iPhone 6 e iPhone 5S ricondizionati protagonisti di un importante business, ma ora arriva una clamorosa bocciatura per Apple che potrebbe creare un pericoloso precedente per il colosso di Cupertino

iPhone 6S

Pessime notizie quelle che sono arrivate in questi giorni in casa Apple e che potrebbero influenzare non poco le quote di mercato dei vari iPhone 6S ed iPhone 6 (giusto per citare i due modelli più recenti del brand di Cupertino). Stiamo parlando della decisione da parte del governo indiano che ha deciso un po’ a sorpresa (anche se qualcuno probabilmente se lo aspettava) di sospendere le vendite dei prodotti ricondizionati.

Come noto, si tratta di una voce non trascurabile nel fatturato Apple, soprattutto se teniamo a mente il fatto che tante persone non possono permettersi questi device a prezzo pieno e che di conseguenza spesso si sceglie questa strada pur di risparmiare qualcosina. Abbiamo accennato al fatto che, al momento, il provvedimento è stato adottato in modo esclusivo in India, ma ad oggi non si può escludere l’ipotesi che altri Paesi possano seguirne l’esempio.

Per quale motivo si è giunto a tanto in India? Semplicemente le normative locali non prevedono che questa forma di commercializzazione possa essere svolta da produttori che non hanno la propria macchina produttiva nel Paese, neanche per quanto riguarda le singole componenti. Per questo motivo, come riportavamo in precedenza, probabilmente qualcuno all’interno di Apple sapeva che questo momento sarebbe arrivato.

Da sottolineare anche il fatto che il provvedimento è giunto in seguito alle grandi pressioni di Samsung, che di conseguenza potrebbe guadagnare terreno in India ai danni proprio di modelli come l’iPhone 6S e l’iPhone 6. Staremo a vedere come evolveranno le cose nelle prossime settimane, ma è chiaro che la questione stia facendo discutere da un po’ di ore a questa parte. Che ne pensate di questa faccenda?