Apple testa Mac con processori ARM

di Lorenzo Paletti Commenta

macbookair-a7

Apple sta lavorando ad una gamma di Mac con processori ARM? I chip utilizzati nei dispositivi mobili di Apple come iPhone e iPad potrebbero presto essere installati anche nelle nuove generazioni di computer marchiati dalla mela morsicata.

Almeno secondo MacBidouille. Il sito francese sostiene che nei laboratori di Cupertino si starebbero testando chip 64-bit ARM su iMac, Mac Mini e portatili da 13”. Pare che questi computer siano da tempo sotto la lente d’ingrandimento di Apple, e che i MacBook siano stati disegnati con un trackpad ancora più grande rispetto a quello disponibile sulle attuali generazioni di Mac.

Non è facile capire se i rumor di MacBidouille siano affidabili, considerato che il sito non è generalmente una fonte di news interne ad Apple. Ciò nonostante i rumor di un MacBook con processore AX circolano sulla  rete da tempo. Ha senso credere che Apple stia testando simili computer nei suoi laboratori, ma sarebbe davvero possibile cambiare per un’altra volta in pochi anni l’architettura che sta alla base del sistema operativo di Apple?

Le prime voci di un Mac con processore ARM circolano dal 2011, quando Apple avrebbe minacciato Intel di abbandonare la piattaforma se l’azienda non fosse riuscita a diminuire i consumi energetici dei suoi processori. Leggenda vuole che Apple avesse, già nel 2011, un modello di MacBook Air funzionante e basato su un processore ARM (A5).

Nel corso del 2012 il rumor era tornato sulla cresta dell’onda quando un analista aveva sottolineato che il passaggio ad ARM era possibile ma non semplice, e il principale problema sarebbe stato tenere testa alla aggressiva roadmap di Intel per il futuro.

Apple, nel frattempo, continua a migliorare i processori montati sui suoi dispositivi mobili. A7 è stato definito (non solo da Apple) un chip che potrebbe potenzialmente fare girare un computer. Lo dimostra il fatto che, attualmente, la sua potenza non viene completamente sfruttata dai dispositivi mobili di Apple.

[via]