Apple e Qualcomm, un accordo da 4,5 miliardi di dollari

di Gio Tuzzi Commenta

Sono state rivelate le cifre dell’accordo che ha unito in una nuova collaborazione Apple e Qualcomm, con quest’ultima che riceverà ben 4,5 miliardi di dollari dall’azienda di Cupertino

I continui scontri legali tra Apple e Qualcomm, che stavano non poco danneggiando l’azienda di Cupertino, si sono finalmente arrestati durante lo scorso mese, con un accordo tra le parti che potrà consentire ad Apple di usufruire delle novità tecnologiche di Qualcomm per i prossimi sei anni. Chiaramente questa pace è avvenuta solo ed esclusivamente tramite un accordo economico, soldi che l’azienda di Cupertino andrà a versare nelle tasche di Qualcomm.

Oggi finalmente siamo venuti a conoscenza della cifra esatta dell’accordo che risulta essere di ben 4,5 miliardi di dollari. Un bel gruzzoletto per potersi liberare delle battaglie legali e soprattutto poter avere dalla propria parte un nuovo partner pronto a fornirgli chipset di elevata fattura, contando finalmente anche sulla connettività 5G. Prima di quest’accordo Apple aveva chiarito come non fosse possibile riuscire a dar vita ad un iPhone con questo tipo di tecnologia nemmeno entro il prossimo anno, anche perché Intel non era ancora in grado di aiutarla in questo senso.

Ora però le cose sono notevolmente cambiate, per il prossimi sei anni Apple potrà contare sulla tecnologia proveniente dal mondo Qualcomm e ciò senza dubbio le garantirà un ulteriore salto di qualità nel settore smartphone, riuscendo finalmente a proporre qualcosa di nuovo ed entusiasmante. Difficile però che già con i prossimi iPhone, in arrivo a settembre 2019, Apple potrà contare sulla connettività 5G, probabile insomma che bisognerà attendere ancora un anno.

Tra l’altro alla scadenza di questi sei anni c’è anche l’opzione per l’aggiunta di altri due anni di collaborazione tra Apple e Qualcomm, aspetto sicuramente da non sottovalutare, anche perché la cifra da 4,5 miliardi di dollari non è poca roba. Vedremo a questo punto cosa potrà fruttare dal punto di vista tecnologico un accordo di questo tipo, ci aspettiamo d’ora in poi iPhone più potenti anche nel settore hardware.