Apple accusata di aver clonato Wi-Fi Sync

di Luca Iannario 54

Difficile dare torto a Greg Hughes, studente dell’Università di Birmingham, che quasi un anno fa creò la sua applicazione “Wi-Fi Sync” che fu rifiutata da Apple, impedendone la vendita su App Store. Dopo aver inviato la sua app per il processo di revisione, Greg fu contattato da un rappresentante dell’azienda di Cupertino, il quale spiegò al ragazzo i motivi del rifiuto.

Sebbene l’app “non infrangesse tecnicamente le regole”, “violava i limiti” di ciò che è possibile vendere all’interno dell’App Store. Lo studente, per nulla scoraggiato, decise di vendere la sua app su Cydia, lo store parallelo ad App Store per dispositivi jailbroken. Il successo dell’idea ha portato alla vendita di oltre 50.000 copie dell’app per la sincronizzazione senza fili.

Qualche giorno fa, come saprete, Apple ha presentato il nuovo iOS 5 durante la WWDC ’11 e, se ricordate, una delle nuove feature del sistema operativo mobile è proprio la possibilità di sincronizzare gli iDevice senza la necessità di utilizzare un cavo. Greg, che vedete nell’immagine di apertura insieme al confronto tra le due (palesemente identiche) icone, non riusciva a credere ai suoi occhi. In pratica, la nuova funzionalità di iOS 5 permette di fare esattamente la stessa cosa della sua app ritenuta “illecita” per App Store.

Contattato dal Telegraph, Greg ha affermato: “Ho venduto la mia app con quel nome e con quell’icona per un anno. Apple ne era al corrente perché gliel’avevo inviata, quindi è stata una sorpresa vedere che l’hanno utilizzata per iOS 5”. Al ragazzo è stato consigliato di procedere legalmente contro Apple per difendere il proprio lavoro e quindi potrebbe denunciare l’azienda di Cupertino per averne infranto il copyright. Non esiteremo a tenervi informati su eventuali sviluppi della vicenda.

[via]