Addio alle rimodulazioni TIM, Vodafone, Wind Tre per utenti iPhone con decreto semplificazioni

di Gio Tuzzi Commenta

Attese importanti novità sul fronte delle rimodulazioni TIM, Vodafone, Wind Tre in riferimento agli utenti iPhone, in riferimento al decreto semplificazioni

Si discute da alcuni giorni a questa parte del cosiddetto decreto semplificazioni, grazie all’impegno portato avanti dalle commissioni parlamentari del Senato “Affari costituzionali” e “Lavori pubblici, comunicazioni”. Potrebbe esserci una svolta importante per il pubblico italiano e per gli utenti iPhone, forse destinati a dire addio alle rimodulazioni TIM, Vodafone, Wind Tre.

Proviamo a scendere maggiormente in particolari, individuando lo scorcio del testo che potrebbe mettere la parola fine alle rimodulazioni TIM, Vodafone, Wind Tre ed eventualmente Iliad:

“4. È vietata qualsiasi modifica unilaterale da parte di imprese che forniscono reti e servizi di comunicazione elettronica o telefonica. Eventuali modifiche unilaterali sono da intendersi nulle e non comportano variazioni del contratto in essere. I prezzi e le tariffe indicati nel contratto possono essere modificati unicamente mediante la stipula di un nuovo contratto sopraggiunto il termine della durata del contratto vigente.

4-bis. Entro tre mesi dall’entrata in vigore della presente legge di conversione del presente decreto, le imprese che forniscono reti o servizi internet o di comunicazione elettronica hanno facoltà di apporre un termine ai contratti in essere”.

Staremo a vedere come andranno le cose, ma di sicuro quanto trapelato in queste ore rappresenta un interessante presupposto per archiviare definitivamente la questione delle rimodulazioni TIM, Vodafone, Wind Tre e se necessario quelle di Iliad. Anche per gli utenti iPhone.