Lion: Finder, informazioni sulle cartelle e sul percorso

di Andrea "C. Miller" Nepori 7

Mac OS X Lion Tips - trucchi

Alcune delle critiche rivolte a OS X Lion che capita di leggere in questi giorni sul Web riguardano l’eccessiva iOS-izzazione e dunque semplificazione di alcuni aspetti del sistema operativo. In alcuni casi non possiamo che concordare, non a caso vi abbiamo spiegato come restituire a Rubrica e Indirizzi e iCal un look più minimale. In altre occasioni finiscono nel calderone delle critiche anche tutte quelle impostazioni di default che in realtà sono reversibili con estrema semplicità, senza neppure ricorrere all’utilizzo di un comando da dare in pasto al Terminale.
E’ il caso ad esempio di tutti quegli aspetti che sembrano improvvisamente scomparsi e la cui riattivazione, per quanto banale, non è poi così immediata. Il nostro lettore Gabro, ad esempio, ci ha chiesto su Twitter che fine abbiano fatto le informazioni sulle cartelle che in Snow Leopard occupavano la parte basse della finestra del Finder.

Non sono andate da nessuna parte. Semplicemente anche in questo caso si tratta di una funzionalità che non è stata attivata di default, suppongo per coerenza con il nuovo look delle finestre, volutamente più minimale. Quella che non viene visualizzata è la barra di stato, attivabile semplicemente spuntando l’opzione “Barra di Stato” nel menu Visualizza del Finder (la scorciatoia è cmd + shift + 7)

Chi come il sottoscritto è un fan della Vista a colonna, avrà notato invece che in Lion manca un elemento importante: il pulsante che in Snow Leopard si trovava in basso a destra in ogni colonna. Quel pulsante serve per adattare la larghezza delle colonne alla lunghezza dei nomi dei file con un doppio clic. In Lion il bottone è scomparso assieme alle barre di scroll verticale ed orizzontale, ma non è andata affatto perduta la funzione che svolgeva. Per ottenere lo stesso risultato adesso è sufficiente posizionare il puntatore nello spazio che divide due colonne, esattamente l’area in cui il puntatore si trasforma in una doppia freccia, per poi dare doppio clic. Et voilà, la colonna si allarga per ricomprendere tutti i caratteri del file con il nome più lungo.

Avete altri piccoli tip e suggerimenti sul Finder di Lion? Fatevi sentire nei commenti!