iPod Touch non convince BusinessWeek

di Filippo Trevisan 1

hero_overview_20070905.jpg

Il nuovo gingillo di casa Apple non convince troppo Cliff Edwards di BusinessWeek. L’analista americano fa un’ottima recensione dell’iTouch (ormai così chiamato da tutti) evidenziando però forse più le mancanze che i pregi. Infatti Edwards parte subito richiamando la tendenza di Steve Jobs di presentare prodotti innovativi, tra i quali non compare l’iPod Touch. E TUAW replica.

La maggior critica che viene mossa al giornalista è che consideri l’iPod come un iPhone senza alcune funzioni. Edwards ritiene l’iPod un oggetto comunque molto bello e interessante ed è certo che chi non fosse interessato ad un contratto con AT&T potrebbe benissimo dirigersi verso il Touch. L’intera analisi verte quindi su un serrato confronto tra iPod Touch e iPhone, che sarebbe completamente senza senso secondo l’unofficial Apple weblog.

Secondo TUAW infatti, l’iTouch non è da confrontare con nessun altro dispositivo se non con i player musicali. Sotto questo aspetto il nuovo lettore nato a Cupertino è assolutamente rivoluzionario. Ok, non avrà la possibilità di usare applicazioni native (per il momento). Ok, non avrà la possibilità di connessione Bluetooth. Ok, non potrà ricevere e mandare e-mail. Ma sicuramente quello che può fare è molto meglio non solo di qualsiasi altro lettore mp3 in circolazione ma anche molto di più dei player targati mela.

Apple non ha quindi sbagliato strategia, non ha solo preso un iPhone con qualche funzione in meno ma ha ricreato il concetto di device musicale. Certo, poi ha con se tutte le caratteristiche che sono presenti nel telefono cellulare nato il Gennaio scorso. Ma è normale portare una tecnologia su diverse piattaforme (così come ci aspettiamo un multitouch tablet in futuro), quello che è stato fatto a Cupertino è un prodotto innovativo con tecnologie già esistenti.

Cliff Edwards quindi, seppur dando un giudizio positivo sul Touch, dovrebbe analizzarlo secondo un altro punto di vista. Forse perchè negli States è uscito dopo l’iPhone, diventa difficile vedere il nuovo iPod davvero originale. Come scrive TUAW, “in un mondo senza iPhone le persone si scaglierebbero per comprarlo“.

In Italia, ad esempio, dove il cellulare Apple non ha fatto ancora la sua comparsa, il Touch è diventato il gadget del momento. E le recensioni entusiaste del nuovo player si sprecano. Questo perchè non abbiamo termini di paragone, se non tramite la rete o i pochi fortunati che hanno già a disposizione un iPhone simfree.

Personalmente ho avuto il piacere di provarlo e devo dire che ne sono rimasto folgorato. Spero quindi di poterne avere presto uno e recensirlo al meglio. Edwards probabilmente ne ha a disposizione quanti ne vuole ma è ben lontano dal capire le potenzialità del Touch, tenendolo come semplice strumento di confronto. Apple fa ancora parlare di se quindi, nel bene o nel male, sorprendendo ogni volta tutti quanti.