Amazon si getta nella mischia della vendita di musica online

di Michele Milanese Commenta

amazonmp3-1.jpg

Chiunque di voi segua in qualche modo i di Steve Jobs avrà notato che, parlando di iTunes Music Store il CEO della Apple spesso presentava una diapositiva in cui si vedeva come iTMS stava scalando la classifica dei maggiori reseller di musica in America.

A quanto pare alla Amazon hanno deciso di non stare solo a guardare e hanno cominciato a cimentarsi nella vendita di musica online con il servizio Amazon MP3.

amazon_vs_itunes_cgif_c.jpg

Ma, se tanti hanno fallito nell’impresa, perché Apple dovrebbe aver paura, questa volta?

I motivi potrebbero essere diversi. Innanzitutto Amazon sembra puntare sulla compatibilità totale: brani senza DRM e solo in formato MP3, in modo da poter essere letti da qualsiasi lettore in mercato.
I brani ijn vendita sono in questo momento circa 2 milioni, codificati a 256Kbs o nel più efficiente variable rate. Emi Music è l’ultima casa discografica, in ordine di tempo, a essersi legata ad Amazon.com, avendo da tempo accolto il formato libero dal sistema di protezione Drm.

Un’altro punto di forza sembrano essere i prezzi variabili tra le diverse canzoni: un’opzione di cui alcuni utenti di iTMS sentivano la mancanza. Così una canzone costa tra gli 89 e i 99 centesimi di dollaro, mentre un’album completo oscilla tra i 6 e i 10 dollari.

Dal canto suo Apple ha sempre privilegiato il modello chiuso, dove è lei a decidere tutto e le variabili (prezzi, programmi da utilizzare, lettori compatibili) sono ridotte al minimo.
Il modello chiuso, a differenza di quello fin troppo aperto che ha adottato Amazon e che è stato il motivo del successo di Microsoft, è garanzia di una qualità complessiva superiore perché tutto fila liscio quasi sempre. Questo però a discapito, spesso, del portafoglio.

Apple è leader nel mercato della musica online perché ha fornito per anni un servizio organico e ben strutturato, ma anche perché è stata la prima a farlo. Ma ora che gli MP3 li legge anche il microonde di casa dovrà stare attenta alla politica DRM-free di Amazon.

Molto attenta.