Per comprare un iPhone non bastano i soldi

di Michele Milanese 7

111-eddie.jpg

Se siete tradizionalisti e state risparmiando euro su euro nel classico salvadanaio a porcellino per comprarvi un iPhone non appena sbarcherà in Italia sappiate che non avrete fortuna.

Innanzitutto perché l’arrivo di iPhone in Italia sembra sempre di più una leggenda metropolitana.

E poi perché da oggi i soldi non bastano più per comperare un telefono Apple.

iphone-small-time-money.jpg

Infatti, come riporta il New York Times, la Apple sarebbe stufa marcia di chi compra gli iPhone solo per rivenderli e così adesso li si può acquistare solo mediante carta di credito o di debito.

Inoltre è stato abbassato il limite massimo di iPhone acquistabili da 5 a 2. Cattiva notizia per chi ne regala venti agli amici.

Se siete tra quelli che reputano poco chic il denaro contante e che sono abbastanza egoisti da non volerne prendere uno per vostra madre ed uno per la vostra fidanzata probabilmente non sarete molto interessati alla notizia. E poi, diciamoci la verità: chi al giorno d’oggi non ha almeno la PostePay per sbrigare le spinose questioni del pagamento online?

Il problema, dal mio punto di vista, è che sta diventando più difficile comperarsi legittimamente un iPhone piuttosto che procurarsi una dose extra di metadone o portare una bomba su un volo intercontinentale. Posso capire quanto a Cupertino vogliano bene al loro prodotto, ma non possono negare che le loro scelte di marketing sono quanto meno discutibili: vendite limitate, aggiornamenti firmware punitivi, canali di vendita inesistenti per gran parte del pianeta, prezzi altissimi e vincoli con i gestori telefonici.
Neanche fosse obbligatorio comperarlo! Caspita: se voglio posso andare con una valigia piena di danaro da Mediaworld e portarmi via tutti i cellulari che voglio. Perché per un iPhone deve essere diverso?

Mi pare che sulla vicenda iPhone la Apple si sia comportata fin troppe volte sopra le righe, come se fosse l’unica azienda a vender telefoni al mondo.

E a questo punto, prima di dover far anche un esame dell’alito e delle urine per comperare un cellulare, è forse il caso di dar retta alla campagna di Nokia per il telefono libero.

Per ora, salvo sostanziali cambiamenti di rotta, l’iPhone, per quanto sia un oggetto meraviglioso, è cancellato dalla lista di oggetti che vorrei comprarmi.