iPhone OS 3.0: il DevTeam parla già di sblocco

di Michele Baratelli 6

A poche ore dalla presentazione del nuovo iPhone OS 3.0, il DevTeam è già entrato in dettagli proprio per quanto riguarda il Jailbreak e lo sblocco di iPhone 3.0. Trattasi attualmente di informazioni puramente acerbe che hanno un duplice scopo: far capire a tutti noi che il gruppo di hacker mattacchioni non ci abbandonerà con l’arrivo del nuovo iPhone OS 3.0 e far sentire il fiato sul collo agli ingegneri di Cupertino. Alcuni grossi limiti di iPhone (come la mancanza di MMS, il bluetooth bloccato e l’assenza della funzionalità di copia-incolla) sono stati corretti in questo nuovo firmware e anche l’idea di un futuro tethering supportato da Apple offusca un po’ la necessità del Jailbreak. C’è comunque tempo per queste considerazioni: vediamo ora cosa ha scritto il DevTeam.

Il discorso del DevTeam si articola sostanzialmente in due punti: ciò che più ci interessa è sapere che anche al nuovo iPhone OS 3.0 sarà prontamente applicabile il Jailbreak. Una volta uscito ufficialmente, è lecito pensare che il DevTeam rilasci quasi subito un tool per il Jailbreak di iPhone OS 3.0 (e penso anche sblocco per iPhone 2G con OS 3.0).

MuscleNerd, che ormai tutti conosciamo come portavoce ufficiale del DevTeam, non si sbilancia nei commenti sulla tipologia di Jailbreak di iPhone OS 3.0: non si tratterà, come alcuni speravano, di un Jailbreak definitivo (come quello per iPod touch 2G) ma di un procedimento da applicare ad ogni nuova versione firmware (come è sempre stato).

La seconda parte dell’intervento è di poco interesse per noi italiani che possediamo iPhone 3G sbloccati di fabbrica. Il DevTeam, infatti, avvisa tutti gli utilizzatori di yellosn0w a non installare direttamente la beta dell’iPhone OS 3.0 che è stata rilasciata per gli sviluppatori perché l’upgrade della baseband renderebbe inutilizzabile il melafonino con una sim diversa da quella ufficiale.

Si dovrà creare, come siamo abituati a fare, un custom firmware tramite PwnageTool: in questo modo si installerà il nuovo iPhone OS 3.0 senza quella parte di codice che aggiorna anche la baseband.

Permettetemi un appunto: se trovate in quale luogo una beta dell’iPhone OS 3.0, aspettate per ora a installarla sul vostro iPhone 3G onde evitare brutte sorprese non preventivabili al momento.