iPhone e iPod Touch firmware 2.0: App Store presto in arrivo?

di Michele Baratelli 9

Nella giornata di ieri è trapelata una interessante novità: per qualche ora il sito Apple australiano ha mostrato, nella pagina dedicata ad iPod Touch, l’immagine qui sopra proposta. Ora i webmaster di Apple hanno prontamente corretto la pagina, ma, è rimasta online per un bel po’ di tempo e anche noi di TAL abbiamo potuto vederla con i nostri occhi. Steve ci fa un regalino anticipando il rilascio del firmware 2.0?Ai posteri l’ardua sentenza” scriveva Alessandro Manzoni: ancora 15 giorni e lo sapremo, scriviamo noi.



Il firmware 2.0 si presta ad essere la vera rivoluzione intrinseca del nuovissimo iPhone 3G e soprattutto una gran ventata di freschezza per noi anziani possessori di iPhone. Le nuove possibilità che esso porterà nei nostri device Touch, tramite App Store, sono, per ora, incalcolabili. Si parla sempre di iPhone, perdonateci (è l’argomento del momento), e non si parla mai di iPod Touch.


Come abbiamo sottolineato in passato, i firmware per iPhone e iPod Touch sono molto simili e differiscono, generalizzando, per la sezione telefonica: immaginando infatti di castrare un iPhone, vi ritrovereste tra le mani un iPod Touch un po’ più corpulento. Dunque, cari amici possessori di iPod Touch, non preoccupatevi che anche per voi sono in arrivo numerose novità.


La novità più attesa, e forse la più rivoluzionaria nell’insieme, è proprio l’arrivo di App Store, come ben sponsorizzato nella pagina dedicata ad iPod Touch nel sito Apple australiano. Steve Jobs non aveva ancora definito una data per il rilascio del nuovo firmware, ma, siccome l’11 Luglio è in uscita il nuovo iPhone si è, da subito, dato per scontato che il nuovo firmware sarebbe arrivato nei nostri iPod Touch e iPhone non prima di quella data.


Lo store australiano invece avvisa la gentile clientela che il nuovo firmare sarà rilasciato il 27 Giugno e, in questo modo, il mondo potrà testare con mano un assaggio di iPhone 3G. Trattasi ancora di rumors ma non ci sono belle notizie in vista per i possessori di iPod Touch: come già avvenuto in passato, per avere questo upgrade di firmware l’utente dovrà versare nelle casse di Apple una piccola mancia (o forse una sottospecie di pizzo?) del valore di 9.99 dollari americani.


Naturalmente per noi cugini dall’Euro forte il prezzo sarà fatto con l’usuale, e alla fine divertente, tasso di cambio made in Cupertino: se non saranno 9.99 Euro saranno 7.99. Per coloro che invece hanno nelle proprie tasche un iPhone il prezzo dell’aggiornamento dovrebbe essere gratuito: il costo è ripagato dai vari abbonamenti ai gestori di telefonia mobile e dalle sudate che ognuno di noi farà mentre, ancora una volta, attuerà la procedura per lo sblocco.


Con una opinione molto personale, noi di TAL, siamo un po’ preoccupati però dall’arrivo di questo nuovo firmare, essenzialmente per due motivi: il primo, più frivolo, è che i tentativi di sblocco di iPhone sono a un ottimo punto con le versioni Beta, ma, la versione finale potrebbe riservare alcune brutte sorprese; il secondo è che l’arrivo in massa delle applicazioni ufficiali tramite App Store, alla lunga, possa scoraggiare gli sviluppatori indipendenti a rilasciare sempre nuove applicazioni e aggiornamenti tramite Installer.App .


Tornando all’argomento sblocco di iPhone, è davvero difficile che Apple si sia rassegnata a lasciar bucare iPhone senza il minimo problema. È vero che le conoscenze di DevTeam e soci sono ormai tali da far invidia all’iPhone Team, ma, allo stesso tempo, riesce difficile immaginare che Apple non si sia prodigata a studiare delle nuove muraglie attorno al “ramdisk“. Se è vero che in tutto il mondo iPhone uscirà legato ad un operatore di telefonia mobile a un prezzo accessibile e “sbloccato” a un prezzo decisamente mostruoso, vedi prezzi di iPhone 3G con Vodafone Italia, è lecito pensare che i tecnici di Cupertino, per ora, si siano arresi e basterà poco per bypassare le nuove protezioni. Tuttavia queste sono solo supposizioni tratte da “canali underground” e basterà meno di un mese per avere un’idea più certa.


Per quanto riguarda le applicazioni di terze parti, anche qui è puramente una supposizione. Noi di TAL siamo a stretto contatto con la comunità degli sviluppatori indipendenti, e, quello che abbiamo potuto ottenere da qualche chiaccherata in canali IRC è la ferrea volontà di andare avanti. Sono proprio questi proclami che ci lasciano pensare a un possibile rallentamento nello sviluppo software alternativo per iPhone e iPod Touch poiché l’aria che si respira è di amarezza verso il colosso SDK al confronto della ToolChain degli sviluppatori indipendenti. Ci auguriamo di essere passati in casa di amici nel giorno sbagliato e di aver respirato un’aria viziata da sensazioni non vere.


Non ci resta che aspettare dunque il 26 Giugno per vedere se il banner sul sito di Apple Australia non sia stato uno scherzo del webmaster o un tentativo di Apple per vedere in quanto tempo la notizia propagasse. Cari lettori con iPod Touch iniziate a risparmiare i 10 Euro per l’aggiornamento e voi, cari possessori di iPhone, tornate quotidianamente a trovarci perché sapete che su TAL lo sblocco di iPhone è una rubrica molto curata. Ora proveremo a convincere il DevTeam a sbloccare pure iPod Touch per risparmiare quei pochi Euro, che ne pensate?


We would like to thank TUAW reader’s for giving that news to the world.