7 app per iPad da installare subito

di Andrea "C. Miller" Nepori 7

Ok, l’iPad vi è arrivato, l’avete spacchettato e ora siete lì che non sapete bene cosa installare. Lo so è uno scenario improbabile a cui sono il primo a non credere. Come prima cosa vi sarete fiondati sull’App Store scaricando lo scaricabile e provando tutto. Magari non avete acquistato certe app  troppo costose, ma avrete certamente passato in rassegna tutto il gratuito e anche qualche bel gioco.

Per questo credo che un elenco delle migliori applicazioni da scaricare ed avere assolutamente che abbia la pretesa dell’oggettività sia abbastanza fine a sé stesso. Quello che voglio fare con questo articolo è consigliarvi applicazioni che dal mio punto di vista sono indispensabili. In altre parole le sette applicazioni che in una settimana ho usato di più e delle quali non potrei fare a meno sul mio Tablet. Magari siete d’accordo con me, o magari no. Scrivetelo nei commenti e indicate, se ne avete voglia, la vostra top 7 personale. Io al momento ho tenuto fuori i giochi e le applicazioni Apple standard (iBooks, MobileMe o quelle di sistema) ma voi fate come preferite.

Pages

L’editor di testi della suite iWork “touch” non può mancare sul vostro iPad. Il prezzo (7,99€) può spaventare, ma il software vale davvero tutti i soldi che costa. Pages permette di scrivere testi anche abbastanza lunghi con agilità e le opzioni di formattazione non sono limitate a poche funzioni principali. Se poi ci affiancate il dock con tastiera o la tastiera wireless di Apple l’iPad si trasformerà in un dispositivo che non ha nulla da invidiare ad un netbook. I bellissimi template già pronti, l’interfaccia intuitiva e pulita rendono Pages un software completo da tenere sempre a portata di dito sul proprio iPad.

Wired

Questo è il modello al momento insuperato cui gli editori di tutto il mondo dovrebbero puntare. L’interattività della rivista digitale di Condé Nast (sviluppata con il contributo di Adobe) è vera, gli articoli sono nati per stare sullo schermo dell’iPad e il lavoro di rifinitura grafica ha dell’incredibile. Ci sono dei lati negativi anche in questo caso, come ad esempio il peso notevole dell’applicazione e l’impossibilità di selezionare il testo, ma se volete mostrare le potenzialità dell’iPad come lettore di riviste l’edizione digitale di Wired è un ottimo punto di partenza. Ovviamente dovrete masticare un po’ di inglese per poter godere appieno degli articoli e dei video. 3,99€.


Wikipanion

La scelta di inserire fra questi software anche Wikipanion, l’applicazione che racchiude in un formato iPad-like la nota enciclopedia libera, potrà sembrarvi strana visto che Wikipedia è tranquillamente accessibile da Safari. Il lavoro che gli sviluppatori di Wikipanion hanno fatto su questa versione per iPad dell’applicazione merita però una menzione e nei primi giorni di utilizzo mi sono trovato ad usare il software (la versione gratuita, già abbastanza completa) anche solo per il puro piacere di scorrere a caso fra le pagine ben formattate dell’enciclopedia.

Pulse News Reader

Pulse News Reader è, al momento, uno dei migliori software della categoria news di App Store (almeno secondo il sottoscritto). L’approccio di questa app alla lettura dei feed è davvero innovativo e l’interfaccia oltre ad essere comoda per lo scorrimento “a due pollici” dà un tocco di colore agli articoli dei vostri siti preferiti. Ieri abbiamo pubblicato una recensione completa del software (Pulse News Reader fa le news a strisce), nato da un’idea di due laureandi di Stanford. Su App Store a 2,99€.

Good Reader

Una domanda che mi sono sentito rivolgere spesso nell’ultima settimana è se l’iPad legge i PDF. La risposta è ovviamente sì, il Tablet è compatibile con il formato e su Safari i PDF possono essere visualizzati direttamente. Un lettore esterno che permetta anche di gestire i propri file direttamente comunque utile e GoodReader si candida come una delle migliori soluzioni n questo campo. I PDF sono solamente uno dei formati che il programma è in grado di leggere. Good Reader permette ad esempio di riprodurre file multimediali o di aprire file zip e navigarne il contenuto. Ottimo il supporto agli allegati (potete ricevere un file via mail e decidere di aprirlo con questo programma) e alla sincronizzazione via iTunes. Da avere assolutamente, visto soprattutto il prezzo più che contenuto (0,79€).

Dropbox

Se siete fra coloro che hanno sempre sentito parlare bene di Dropbox, soprattutto in contrapposizione ad iDisk, ma non si sono mai decisi ad installarlo, beh è giunto il momento di farlo. Installate la scatola magica sul vostro Mac/PC e scaricate sul vostro iPad l’applicazione dedicata. La sincronizzazione dei file da dispositivo a dispositivo non vi sarà mai sembrata così rapida e comoda. Unico vero problema, la necessità di una connessione internet disponibile anche solo per visualizzare i file, che rimangono sempre nella “nuvola”, a meno che non li selezionate come “preferiti”. Una scelta un po’ poco coerente a livello di interfaccia (posso voler vedere un file offline anche senza doverlo per forza considerare un “preferito”) ma abbastanza semplice (grazie Gildo per la correzione).

Nel caso delle foto per ovviare al problema in altro modo basta salvarle nella libreria fotografica dell’iPad, mentre per PDF e altri file ci viene in aiuto proprio GoodReader, nel quale potrete salvare direttamente i file della vostra Dropbox per una successiva fruizione anche in assenza di collegamento ad Internet. L’app è totalmente gratuita, come anche il servizio se vi accontentate di una “casella di deposito” da 2GB.

Air Video

Non nascondiamoci dietro ad un dito: il vero problema dell’iPad, in Italia, è l’attuale carenza di contenuti multimediali ed editoriali. Delle serie tv e dei film su iTunes Store Italia non vi è neppure l’ombra mentre l’iBookstore è ancora una vera e propria landa desolata. Se per il secondo problema non possiamo che aspettare i comodi dei signori dell’editoria (o magari ricorrere a qualche metodo fai da te che per correttezza non voglio esplicitare) per quanto riguarda i film si può fare qualcosa di più grazie ad Air Video, almeno quando siamo a casa, connessi alla rete Wi-Fi domestica e con la nostra libreria video a disposizione.

Per farla breve, Air Video è un’applicazione che trasmette in streaming all’iPad su rete locale i vostri film dal computer dove li tenete memorizzati. Sul computer locale (Mac o Windows) dovrete installare un programmino server che si connette con l’app sull’iPad.

Se il video è già in un formato compatibile potrete visualizzarlo direttamente, altrimenti Air Video effettuerà sul computer una conversione on the fly. Dopo pochi secondi dall’inizio della conversione potrete già iniziare a visualizzare il video sull’iPad. Sul computer troverete un secondo file convertito che successivamente potrete eliminare direttamente dall’applicazione sul Tablet. Un software decisamente utile – compatibile anche con l’iPhone – ad un prezzo più che ragionevole: 2,39€.