Ecco la Mac Pro Daisy Chain Challenge: quanti dispositivi possono essere connessi su un solo Mac Pro?

di Giovanni Biasi 1

daisy chain challenge

Oggi il Macworld Lab se ne esce fuori con un esperimento molto interessante, che vede protagonisti un Mac Proinnumerevoli dispositivi connessi ad esso. Si tratta della Mac Pro Daisy Chain Challenge, per vedere quanti dispositivi possono essere connessi contemporaneamente a un Mac Pro, utilizzando le sei porte Thunderbolt, le quattro porte USB 3.0, la porta HDMI e le due porte ethernet del computer.
E alla fine quante cose si riescono a collegare?

La risposta, considerando anche le daisy chain Thunderbolt connesse al Mac Pro, è 42 (che è anche la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto).
Vi riportiamo di seguito, in ordine alfabetico, tutti i dispositivi di storage che sono stati connessi ad un unico computer, per un totale di 100.63 TB di spazio:

  • Adata DashDrive SE720
  • Akitio Neutrino Thunder D3
  • Apricorn Aegis Portable 3.0
  • Buffalo DriveStation DDR
  • Buffalo DriveStation Duo
  • Buffalo DriveStation Mini Thunderbolt SSD
  • Buffalo MiniStation Extreme
  • Buffalo MiniStation Thunderbolt
  • CalDigit T3
  • CMS BounceBack
  • Elgato Thunderbolt Drive+
  • Elgato Thunderbolt SSD
  • G-Technology G-Dock ev with Thunderbolt
  • G-Technology G-Drive Mini
  • G-Technology G-Drive mobile USB
  • G-Technology G-Drive mobile with Thunderbolt
  • G-Technology G-Drive Pro with Thunderbolt
  • G-Technology G-Raid
  • ioSafe Rugged Portable
  • LaCie 2big
  • LaCie 5big
  • LaCie Little Big Disk 1TB SSD
  • LaCie Little Big Disk 240 SSD
  • LaCie Little Big Disk 2TB hard drive
  • LaCie P’223
  • LaCie Rugged USB
  • OWC Envoy Pro EX
  • OWC Mercury Elite Pro Dual
  • OWC Mercury Helios
  • OWC ThunderBay IV
  • Promise Pegasus R6
  • Seagate Free Agent FW
  • Toshiba Canvio Slim II
  • Western Digital My Book VelociRaptor Duo
  • Western Digital My Passport Pro
  • Western Digital My Passport Slim

Oltre a questi, il povero Mac Pro ha dovuto sopportare anche due dock Thunderbolt, un Apple Thunderbolt Display, due Apple Cinema Display e un HP Z Display Z27i.

I risultati dell’esperimento sono stati molto interessanti. Parlando di energia, la somma dell’elettricità richiesta da tutti i dispositivi è arrivata a toccare picchi di 865 Watt, mentre per quanto riguarda la velocità di scrittura, il drive più veloce è stato il Mercury Helios di OWC, che è stato in grado di scrivere a circa 271 MBps.

Il test, inoltre, ha evidenziato come la posizione dei collegamenti sia più importante della presenza di altri dispositivi, parlando di resa: un dispositivo collegato all’inizio delle daisy chain rende più di uno collegato alla fine, indipendentemente dal numero di altri device connessi allo stesso computer.

via | Macworld