La selezione dei componenti per un pc gaming assemblato

di Giovanni Tripodi Commenta

Il mercato attuale mette a disposizione un vasto assortimento di pc da gaming assemblati, per diverse fasce di prezzo. Per sapere come scegliere e trovare le soluzioni migliori per le proprie esigenze, abbiamo chiesto consiglio agli esperti di OSGaming.

pc gaming

Prima di tutto, ci parlate di OSGaming?

Il nostro sito è stato creato per rappresentare un punto di riferimento per chiunque sia interessato al mondo dei pc gaming. La nostra passione ci ha indotto a dare vita a OSGaming: nel mentre continuiamo a giocare e in più frequentiamo tutti gli appuntamenti più importanti del settore, a cominciare dal Comix di Lucca. Il nostro è il primo e-commerce creato da gamer e pensato per i gamer.

Quali sono le caratteristiche da valutare in un pc da gaming?

Un aspetto importante è il fattore di forma: esistono sia in pc in formato desktop che quelli in formato notebook, senza dimenticare i sistemi all in one caratterizzati da dimensioni ridotte. In linea di massima, un pc da gaming del tipo desktop è la proposta più tradizionale. I vantaggi più significativi si riscontrano dal punto di vista delle prestazioni, dal momento che è possibile utilizzare componenti con un alto livello di potenza. In caso di necessità, si può aggiornare o cambiare l’hardware interno, ed è per questo motivo che i pc desktop sono consigliati a coloro che desiderano una soluzione che duri a lungo nel tempo. Certo, un pc desktop non può essere portato in giro ed è piuttosto ingombrante.

I notebook, invece, che pregi hanno?

Ovviamente in questo caso le dimensioni sono più compatte: ciò vuol dire che i computer portatili possono essere trasportati (per esempio, quando si va in vacanza), contenendo tutto ciò che serve per giocare (il trackpad, la tastiera e il monitor integrato). Il livello di efficienza energetica in linea di massima è superiore rispetto a quello offerto dai desktop, anche se si possono riscontrare dei problemi per gli aggiornamenti: è molto difficile sostituire la GPU e la CPU. La resa estetica è molto curata, mentre il costo – a parità di performance – è più alto di quello di un computer desktop.

L’esperienza di gioco è condizionata dalle caratteristiche del monitor?

Ovviamente sì: questa periferica esterna è in grado di fare la differenza nei pc gaming. Sul mercato si trovano numerose proposte, con risoluzioni e dimensioni diverse. I monitor standard del tipo 16:9 costano meno rispetto a quelli con pannelli curvi e rapporto 21:9, che assicurano una visuale ultra-wide. Ovviamente, alla differenza di prezzo corrisponde anche una differenza in termini di esperienza di gioco. Per i videogame la risoluzione dovrebbe essere il più possibile alta, per poter godere di immagini riprodotte in maniera dettagliata. I prodotti sul mercato spaziano dall’HD all’Ultra HD, conosciuto anche come 4K: in mezzo ci sono il Full HD e il Quad HD, vale a dire il 2K.

Ci sono degli aspetti da valutare con più attenzione per la scelta di un monitor?

Al di là della risoluzione, è molto importante il refresh rate. Con questo termine si fa riferimento alla frequenza con la quale le immagini vengono aggiornate. Più è alto il refresh rate, e meglio è: per i videogame veloci, sarebbe auspicabile un valore di 120 o, ancora meglio, di 144 Hz. Decisivo è anche il tempo di risposta, che corrisponde alla velocità con la quale le immagini che arrivano dalla CPU e dalla GPU possono essere riprodotte. In questo caso, più il valore è basso, e meglio è. Non bisogna dimenticare, in conclusione, di appurare l’esistenza del supporto a Freesync di AMD e a G-Sync di NVIDIA.

Per quel che concerne il processore, invece, come ci si deve comportare?

Il processore, indicato anche con la sigla CPU, è il componente che esegue i calcoli matematici, con un livello di potenza indicato in GHz. Maggiore è il numero di core, che costituiscono le unità di calcolo, e migliori sono le performance di cui si può usufruire. Le prestazioni dipendono, comunque, anche dalla memoria a breve termine, cioè la RAM, che interagisce con il processore e include i dati da esso elaborati.

Che cosa ci potete dire, infine, a proposito della scheda video?

Con la sua unità di calcolo dedicata, la scheda video è il fulcro di qualsiasi computer di gaming: in poche parole è il componente che compie i calcoli matematici che sono necessari per fare in modo che i vari elementi possano essere rappresentati a livello grafico. L’unità grafica non dovrebbe essere compresa nella CPU, ma dedicata (si parla sempre dei sistemi da gaming, ovviamente). Come è facile immaginare, meno è datata e meglio è. I chip AMD della famiglia Vega sono i migliori, mentre le RTX 20×0 sono le schede video ideali per chi non ha limiti di spesa e desidera un computer con un livello di potenza elevato.