Kindle per Mac in arrivo

di Michele Baratelli Commenta

Kindle

Del Kindle, ovvero il dispositivo con cui poter usufruire dei libri digitali offerti da Amazon, se ne è parlato spesso qui su TAL: la cultura libraria è ormai in continua evoluzione verso la sfera digitale e ovviamente il mondo Mac non può esserne escluso. Amazon ha avuto la forza, oltre all’intelligenza, di dar nuova luce al libro digitale. Un formato già presente da alcuni anni che solo ora, proprio grazie brand statunitense, riesce ad uscire dall’anonimato acquisendo anche nuova forma.

Se da una parte con il Kindle, ovvero l’E-Book Reader di Amazon, è possibile leggere un libro in maniera “nuova”, dall’altra è possibile anche sfogliare il proprio quotidiano preferito che viene scaricato grazie alla rete Wi-Fi o cellulare. Amazon vuole ampliare al massimo il suo pubblico e, dopo iPhone e Windows 7, annuncia che è in arrivo una versione del suo Kindle  per Mac.

La notizia giunge dopo l’annuncio, avvenuto a margine della presentazione di Windows 7, che una versione per PC del Kindle è in arrivo. Non solo i “cugini con Windows” potranno leggere i libri digitali e i giornali con il proprio computer: è in arrivo, sicuramente non in tempi brevissimi, una versione del Kindle per Mac.

Un portavoce di Amazon ha dichiarato che l’azienda sta lavorando ad una versione del suo Kindle per i computer con la meletta (“Yes, we are working on a Kindle app for Mac“).

Questa notizia darà nuove idee sulle funzionalità del famoso tablet di Apple: l’inedito “iTablet” potrebbe dunque incorporare nativamente alcune funzioni in grado di renderlo un perfetto E-Book reader. Queste sono solo supposizioni perché per ora Amazon ha confermato solo una versione per Mac.

È interessante sottolineare anche la politica commerciale di Amazon che con il supporto per PC e Mac si aggiudicherà una nuova e sostanziosa fetta di pubblico con accesso al “Kindle Store“. Purtroppo al momento sono disponibili soltanto libri in lingua inglese ma il recente sbarco della piattaforma in Europa fa ben sperare in un futuro con volumi in lingua italiana.