Per gentile concessione di Fabio Zambelli, editor di setteB.IT, pubblichiamo alcune foto del dietro le quinte di questa edizione del MacWorld Expo. Fabio si trovava a San Francisco per l’occasione e dopo aver scattato qualche foto alla nuova sede di Apple, e dopo aver documentato in anteprima l’evento, ha prodotto un reportage completo del “dietro le quinte” che potete trovare sul suo sito. Vi anticipiamo alcuni scatti che vedono protagonisti alcuni volti noti della Silicon Valley, e ne approfittiamo per fare un po’ di tecno-gossip. Il tutto condito con una sana dose di ironia.

woz.jpg

Steve Wozniak. Fra la folla spunta il faccione simpatico del co-fondatore di Apple. Woz è arrivato al Moscone Center con il suo inseparabile Segway, il mezzo giroscopico a due ruote: vero tocco di classe per il geek che conta. Steve è un fanatico del proprio trottolino a due ruote, tanto da giocarci perfino a polo. Non ci credete? Beh, forse non avete ancora visto questo filmato. Se in India giocano a polo in groppa agli elefanti, perchè dei ricchi californiani di mezza età vistosamente sovrappeso non dovrebbero farlo in sella a mezzi elettrici dal gusto retro-futuristico pretenziosamente costosi e potenzialmente mortali ?

lasseterive-1.jpg

John Lesseter e Jonathan Ive. Secondo voi perchè il capo designer di Apple Jony Ive si allontana ridendo dalla Sala Conferenze? Io un’ipotesi ce l’ho: sta pensando ad una battuta cattiva da riferire a El Jobso sulla camicia di John Lesseter, il quale, da par suo, sfoggia con noncuranza l’impresentabile capo d’abbigliamento da tredicenne. Lo sappiamo John, sei il responsabile creativo di Pixar e quindi vai in giro con Ratatouille stampato su tutti i vestiti. Ma hai per caso mai visto Steve Jobs andare in giro con una giacca tempestata di mele?

 

brinschmidtjobs.jpg

Sergey Brin ed Eric Schmidt. Al MacWorld c’era la crème de la crème della Silicon Valley. Ecco Steve Jobs in compagnia di Sergey Brin, il co-fondatore di Google . Non sappiamo cosa si stessero dicendo i due ma la realtà appare decisamente distorta, almeno a giudicare dal sorriso inebetito di Sergey. Probabilmente Jobs lo sta ipnotizzando per convincerlo che Android fa schifo, o forse Brin ha chiesto a Jobsy dove può comprare maglioncini girocollo neri tutti uguali. Del resto fra vent’anni lui e Larry Page (l’altro socio fondatore di Google) saranno la nuova coppia (pre-i)storica dell’informatica, come ora Jobs e Woz, e forse Sergey si sta ispirando a Steve per non diventare, fra i due, quello grasso con la barba che gioca a polo su un trabiccolo a due ruote. Sulla destra Eric Schmidt, CEO di Google e consigliere di amministrazione di Apple, che si gusta la scena mentre comunica con Steve Jobs attraverso la telepatia, una funzionalità che viene implementata di serie su tutti i dirigenti di Cupertino.

stupito.jpg

Alla faccia! Non ci sono dubbi, Steve Jobs deve convincere tutti che il nuovo MacBook Air gli piace davvero e si mostra sorpreso della leggerezza del nuovo portatile ogni volta che lo solleva per mostrarlo ai giornalisti: evidentemente non legge le indiscrezioni che circolano in rete, altrimenti Steve avrebbe ben poco da stupirsi! Un reporter pagato da Microsoft (foto a destra) gli ha poi fatto notare che tutti sapevano del MacBook Air già da più di un mese. Jobs lo ha zittito con un lapidario: “Embè!? Io lo sapevo da due anni !”

Tutte le foto dell’articolo sono di proprietà di F.Zambelli @ www.setteB.IT