Apple che acquisisce Starbucks, abbocca anche il Sole 24 Ore

di Andrea "C. Miller" Nepori 52

Domenica scorsa abbiamo pubblicato una notizia bomba, che aveva del sensazionale: Apple intenzionata ad acquisire Starbucks. Bastava un semplice controllo sul calendario e un rapido sguardo al link inserito sul [via] a fondo articolo per capire che si trattava del più classico dei pesci d’aprile: una notizia “troppo bella per essere vera”, strutturata secondo i canoni “stilistici” del più navigato rumor internazionale.

Era tutto inventato, ci aveva pensato il nostro Lucio Botteri a trovare l’argomento (una base “giornalisticamente” solida, vista la vecchia partnership che le due aziende strinsero anni addietro) a recuperare una foto del compianto Steve sul palco di un vecchio keynote in compagnia del CEO di Starbucks e a buttare giù una bufala di prim’ordine.

Un piccolo divertimento domenicale di cui molti lettori hanno immediatamente individuato la natura burlesca con una perspicacia che invece è totalmente mancata a un buon numero di nostri “colleghi”. “Colleghi” che non solo hanno preso per buona la panzana, ma l’hanno pure riproposta senza uno straccio di link né la ben che minima attribuzione al nostro sito. E se pensate che stia parlando solo di qualche piccolo pesce-blogger, ricredetevi: nella nostra sciabica c’è finito anche uno squalo balena che risponde al nome di Sole 24 Ore.

Apple Mania

I primi a prendere per buona la conclamata bufala sono stati quelli di AppleMania, blog del network blogosfere (full disclosure: sono diretti concorrenti del nostro network) che hanno pensato bene di abboccare il giorno stesso, poche ore dopo la pubblicazione. Hanno visto bene di riproporre un pezzo intero del nostro articolo e non linkarci manco per scherzo.
Il post è stato cancellato o forse si è cancellato da solo per la vergogna, ma per fortuna la cache di Google ci viene in soccorso. E in caso pure quella dovesse venire a mancare, ecco uno screenshot.

AffariItaliani e Leggo

E’ poi il turno di affariitaliani.it, portale di news associato a Libero, che forse aiutato dall’autorevolezza ritardata fornita al nostro post da Google News ha pubblicato la notizia il 2 aprile alle 13:21. Anche in questo caso fonte incerta, nessuna attribuzione.
Il link è qui sopra (non ci facciamo tanti problemi a linkare, da queste parti) ma di seguito trovate anche lo screenshot. Non sia mai che anche in questo caso la notizia faccia una brutta fine prima di domani.

Anche Leggo.it ha ripreso la notizia senza nessuna attribuzione, ma dandola semplicemente per buona. Commenting is futile.

Shops and The City

Arriva poi a ruota, nella serata di lunedì 2 aprile, il blog Shops and The City, sempre Blogosfere. Anche in questo caso l’autrice Valeria Volponi, che dell’omonimo ispettore dei quiz polizieschi de La Settimana Enigmistica condivide il cognome ma non la perspicacia,  ha pensato bene di riprendere la news da AffariItaliani, linkando per bene la notizia. Nonostante un encomiabile lavoro di background sul pezzo, l’autrice non ha pensato fosse il caso di approfondire né di cercare la vera fonte. Ne prendiamo atto e francamente non le diamo alcuna colpa specifica, visto che oggettivamente i canali cui potrebbe aver attinto vantano una nomea di attendibilità che resiste nonostante gli attentati quotidiani di certi redattori. Valeria, ti siamo nel cuore, tu almeno un mezzo link ad una fonte hai tentato di darlo.

Il Sole 24 Ore

E adesso allacciatevi le cinture perché ci immettiamo sull’autostrada del surreale.
Nel pomeriggio di domenica Lucio ci ha segnalato sul gruppo di redazione il link di Apple Mania e poi ha provato a tirarci il pacco dandoci a bere che parlavano della “nostra” notizia su Sky TG 24. Il mio doppio pacco (si, siamo dei burloni qui su TAL) è consistito nel dargli a credere che il Sole 24 Ore mi avesse contattato con una richiesta di commento. Ovviamente non era vero ma il contropaccotto, alla fine, ce l’ha fatto il quotidiano di Via Monte Rosa, che la notizia l’ha ripresa realmente. Ovviamente senza alcuna attribuzione. E senza nessuna richiesta di commento.
Anche in questo caso eccovi il link (sperando che sia ancora funzionante quando lo leggerete) e di seguito lo schreenshot di ordinanza, in modo da consegnare ai posteri questa punta altissima del giornalismo tecnologico italiano.

Bonus: se al Sole 24 Ore hanno abboccato alla nostra notizia, non se la passa meglio Repubblica, che ha parlato delle Mini da campeggio senza accorgersi delle targhe “JOKE 2012” e “HOAX 2012” applicate ai concept delle foto fatte girare domenica dalla casa automobilistica.

P.s: a chi ritenesse poco elegante lo sputtanamento di cui sopra rispondo in anticipo facendo presente che questo è l’unico modo per evidenziare certe magagne che altrimenti passerebbero ingiustamente in cavalleria.  Qui ci impegniamo ogni giorno per offrire un’informazione tecnologica seria e controllata, attenta alle fonti e alle attribuzioni. L’unica notizia che un grande giornale che vive di “autorevolezza di rendita” pensa sia il caso di riprendere da noi è inventata, è datata primo aprile e viene riproposta senza attribuzione. Concedeteci di definire tutto questo, senza mezzi termini, profondamente avvilente.

  • asd

    Avete fatto più che bene a “sputtanare” questi giornalettisti incapaci che – ricordiamolo sempre – campano grazie ai contributi pubblici.
    Comunque… LOL!

  • Francesco

    LOOOOOOOOOOOOOOL

  • Francesco

    Quando ho letto che aveva abboccato un vero e proprio “squalo balena” mi sono letteralmente ribaltato dal ridere!! ROTFL!!!

  • Alessandro Moretti

    ahahahahahah

  • niguli

    I’m loving it….

  • Lucio Botteri

    Sentiti ringraziamenti al nostro lettore “umigliore” che ci ha passato per primo il link del Sole24Ore :)

  • Roro_ch

    Davvero spettacolare! Complimenti come sempre per la serietà e la pertinenza informativa.

  • Pingback: Notizie che non avevano nessuna probabilità di esserlo | Mac Blog()

  • Sigma

    Camillo hai ragione, ma rimani antipaticissimo, fino all’inverosimile, ed hai lo stesso “stile” poco signorile delle persone di cui ti lamente. In una parola: non sai vivere.

  • Sigma

    *lamenti

  • Lucio Botteri

    @ Sigma:
    Invece tu sì che sei simpatico :)

  • Camillo Miller

    @ Sigma:
    Se ti sto antipatico adesso figurati se mi vedessi quando torturo piccoli animali oppure bagno i gattini e li lascio fuori la notte d’inverno!

  • Roro_ch

    @ Sigma:
    A quale sopraccitato blog/giornale fai parte precisamente?
    Ahahhaah

    Tanto di cappello a TAL per la loro professionalità informativa, molto rara in Italia, permettemi il commentino…

  • mattia

    @ Camillo Miller:
    ahhhahaha :D mitico :D ottimo articolo, come sempre ;)
    (meno quella volta del sensore magico sui macbook che ‘disattivava gli hard disk’ a contatto con un magnete :P)

  • Marco

    Camillo Miller for President! Provo invidia per questo riuscitissimo Pesce d’Aprile! :)

  • Pingback: Notizie che non avevano nessuna probabilità di esserlo | Tutto App()

  • Stefano Lovecchio

    Anche se scrivo per un vostro sito concorrente, non mi trattengo dal commentare e di farvi i complimenti per aver sottolineato la cosa, è davvero imbarazzante questo episodio!

    E dire che oggi non riuscivo a spiegarmi perché alcuni miei amici sostenevano sta cosa del caffè con Apple, sembrava che fossi caduto dalle nuvole…poi ho pensato a voi! AHAHAHAHA!

  • Giacomo

    Fantastici!! Permettetemi di dire che apprezzo davvero tantissimo il linguaggio e soprattutto la SIGNORILITÀ con cui avete trattato questi “ladri boccaloni di notizie”.

    TAL resta e resterà sempre il mio blog preferito, per informazioni serie, ottimo linguaggio e simpatia!!!!! E ancora, ottimo sputtanamento!!! Con questo si capisce cosa si puo celare sotto gli articoli delle testate italiane!!!!

  • Vikente

    Bravissimi!!! Sono sempre d’accordo a sputtanare i cosi detti ” colossi” della (dis)informazione

  • pierfrancesco99

    Complimenti vivissimi per lo scherzone! Quando ho letto l’articolo sul sole24ore ho iniziato a pensare che non fosse un pesce d’aprile…è l’ennesima conferma che in fatto di tecnologia e informazione siamo ancora all’età della pietra in questo Paese…

  • Il Sole 24 Ore ha rimosso l’articolo, per fortuna il nostro screenshot rimane dov’è. La cosa più bella è la loro “cronologia” articolo, che non riporta alcuna indicazione sulla rimozione.
    GO DIGGING, the Earth Core is the limit. :)

  • matitalatina

    Mamma mia roba da non crederci… Comunque avete fatto bene a scrivere chi ha avuto il coraggio di rubarvi una bufala hahah :D

  • Davide L.
  • Pingback: Apple e Starbucks, un esca a cui abboccano i giornalisti | The Brain Machine()

  • Giuseppe

    Scusate adesso io non voglio fare il criticone, e per favore non cominciate tutti a darmi contro perche sto davvero facendo una domanda a Camillo in maniera pacifica.
    E premetto che la mia é davvero soltanto una curiosita che vorrei mi chiariste voi di TheappleLounge.
    Io sono d’accordo con voi che una testata di quella portata dovrebbe vergognarsi di andare scopiazzando notizie di qua e di la senza verificarne la autenticita….ma sinceramente parlando (e con tutto il rispetto per voi che fate un lavoro eccellente su questo blog) non vi pare “poco serio” anche il vostro comportamento nel pubblicare una notizia assolutamente falsa?
    Intendo dire che se uno non leggeva i commenti sotto non poteva certo capire che era un pesce d’aprile!
    Nell´articolo non ho letto nulla che mi convincesse che era uno scherzo (parlo per me povero lettore…magari sono scemo pero, davvero)
    dove sbaglio? mi aiutate?

    • Molto semplice. In fondo all’articolo c’era, non evidentissimo (ovvio!) ma ben presente, un link alla fonte della notizia. Se il giornalista l’avesse anche soltanto controllata en passant avrebbe notato che linkava la pagina “Pesce d’Aprile” di Wikipedia.
      In più il 1° Aprile è comunemente riconosciuto come giorno franco per questo tipo di notizia ed anche il più inesperto dei pivelli saprebbe che se una notizia riporta quella data e sembra troppo bella per essere vera va controllata non una ma sei volte.
      Le Mini che hanno fregato Repubblica sono praticamente la stessa cosa e anche in quel caso l’indicazione del pesce c’era eccome.

      Resta il fatto che se la notizia fosse stata vera se la sarebbero presa senza minimamente attribuirla a noi.
      Spero di aver chiarito i tuoi dubbi.

  • Giuseppe

    cioe io quando ho letto l’articolo, avevo pensato che fosse una bella cosa, non avevo proprio capito che era una panzana!

  • Francesco

    @Giuseppe: uno scherzo per riuscire deve essere credibile.

  • Giuseppe

    ma infatti io sono assolutamente in disaccordo con il comportamento poco professionale di quella testata…pero sinceramente non é che tutti stanno a verificare le cose che scrivi e sono cosi geeky experts da capire che é una burla…
    e lo dico proprio perche TAL é oramai, a mio parere, uno dei piu noti blog su Apple, e non mi apsetterei di dover fare double check per vedere se le news sono vere o false.
    Guarda é come se uno che dice le bugie si mettesse a criticare un personaggio famoso perche dice le bugie…resta il fatto che le bugie le racconti pure te, e io il link di Wikipedia del pesce di aprile proprio non lo avevo notato.
    senza rancore.

    • Beh Giuseppe, in parte è preoccupante quello che ci scrivi, perché in realtà il compito primo del giornalista, qualsiasi sia il settore di cui si occupa, è quello di verificare le fonti. Parliamo di pagina 1 del manuale del giornalismo qui, eh… L’autorevolezza che ci riconosci (e per questo ti ringrazio molto) non giustifica la figuraccia. Se questo meccanismo lo mettiamo in pratica qui su TAL quando riprendiamo notizie di testate molto più autorevoli di noi a livello internazionale, perché non lo dovrebbe fare il Sole 24 Ore . Pensa se questo meccanismo lo mettono in pratica in ambiti come la medicina o la finanza e dimmi se non ti preoccuperesti…
      Per questo non sono scusabili in niente. Il link a “pesce d’aprile c’era”, bastava cliccare. Ora, che un giornalista del Sole non sappia nemmeno cliccare su un link che per giunta gli dovrebbe facilitare il reperimento della fonte originale della notizia mi sembra assurdo. Non è davvero questione di essere degli espertoni o dei geek.
      E poi c’è ovviamente la questione dell’attribuzione. Perché qui non si sono nemmeno degnati di dire “TheAppleLounge dice che”, ma hanno lasciato la vaghezza di un “i blog che si occupano di Apple” che suona davvero male…

  • Giacomo

    Ussignúr quanti problemi!!! Era il primo d’aprile, e di scherzerei ce ne sono stati ovunque nella rete! Mini, BMW, Google, le testate giornalistiche locali ( Siena e Mantova nello specifico)!!! Gli scherzi per il primo d’aprile si sono sempre fatti!!! Peró quanto accaduto qui dimostra soltanto come le informazioni vengono rubate senza citarne la fonte, e come le testate giornalistiche più importanti d’italia pubblichino senza controllare una cippa!!!!!!

  • Giuseppe

    @Camillo:
    continui a riferirti al sole 24h, cosa di cui ti ho giá spiegato che sono d’accordo IN TUTTO con te.
    Ti ripeto che io non sono d’accordo sul pubblicare panzane. Pesce d’aprile o no.Punto.
    E´chiaro il mio pensiero ora?
    E´la mia opinione e volevo semplicemente condividerla con voi: secondo me un giornale, o blog che vuole essere considerato serio non si mette a pubblicare scherzetti: io lo sto riguardando ora l´articolo…e suvvia…il link seguente ti sembra esplicativo?

    “…….avvicinarsi al mondo post-pc sorseggiando un buon frappuccino.”
    [via] <——–LINK SUPER ESPLICATIVO CHE FACEVA CAPIRE CHE SI TRATTAVA DI UN PESCE D'APRILE

    Allora mi metto a cliccare tutti i micro link nel blog alla ricerca di un fantomatico scherzone…suvvia

    • Si ho capito, e non condivido. Non abbiamo pubblicato uno scherzo in un qualsiasi giorno dell’anno (anche se sarebbe stato interessante per testare i meccanismi gionalisitici, a questi punti) ma nell’unico giorno per antonomasia destinato a questa roba anche su testate serissima.

      Vuoi un esempio: la BBC domenica ha scritto che la terra era esplosa, uccidendo tutti…

      https://i.imgur.com/dHsLN.jpg

  • Lucio Botteri

    @ Giuseppe:
    Dai Giuseppe, dici che non siamo seri perché pubblichiamo un pesce d’aprile… Google ne ha fatti almeno 4, anche Google non è seria allora? La BBC non è seria? O la Peugeot, che ha parlato di una nuova macchina “con vernice sensibile all’umore”… serietà è una cosa, essere bacchettoni un’altra :)

  • Giuseppe

    bacchettone tua sorella!
    tutti i pesci d’ aprile di cui parli era PALESEMENTE EVIDENTE che fossero scherzi!
    Nel vostro caso invece era un articolo curato in maniera seria e davvero impossibile da classificare automaticamente come scherzo! non riportava mica una notizia assurda eh!
    Mi sa che ‘e un po diverso dalle telecamere installate sui canguri di Google maps che dici?

    • Che avresti ragione se non ci fosse stato nessun riferimento. Il riferimento c’era ed era nel link, pur piccolo che fosse, a fondo articolo. Ed era un riferimento evidente. Se sei un giornalista LO DEVI cliccare. Se sei un lettore, puoi imparare a cliccarlo, è lì per un buon motivo, che nel peggiore dei casi è fornirti un ulteriore approfondimento.

      Se poi ritieni che la serietà si giudichi sul fatto di non pubblicare mai panzane, beh da questo punto di vista tanti giornali passano per buone cose che non lo sono in date ben distanti dal 1° aprile. :)
      Lo so che ormai abbiamo capito di che pasta è fatto il Sole, ma questo pezzo lo pubblicavano i giorni precedenti lancio di iPhone 4S: http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2011-09-21/iphone-5-210625.shtml?uuid=AaqZJT6D
      Parecchie panzane mescolate a cose probabili e vendute tutte per buone…

  • Roro_ch

    @ Giuseppe:
    Mi da fastidio la gente che fa finta di non volere aggredire quando in realtà vuole farlo e basta… Di quale testata ti occupi?

  • Lucio Botteri

    Giuseppe wrote:

    bacchettone tua sorella!

    LOL, e meno male che avevi detto di porti in maniera pacifica. Bacchettone non l’ho detto a te, ho detto che noi non lo siamo, e che se vogliamo fare un pesce d’aprile lo facciamo. Mi dispiace che tu abbia reputato credibile il fatto che la Apple si metta ad offrire cappuccini e ciambelle per ogni Mac acquistato, a me solo l’idea fa scompisciare dalle risate e i canguri con le telecamere mi sembrano più credibili. Controllare la fonte è sempre una buona abitudine, in particolare quando vedi sul calendario la data “1 aprile”.

    P.s. mia sorella ringrazia.

  • Giuseppe

    sentimi bene, io non ho offeso nessuno e tu ti sei riferito a me dandomi del bacchettone (e non fare il buonista dicendo che non era per me ok? nessuno e scemo qui)

  • Giuseppe

    @roro
    sono un IT engineer e vivo all’estero intelligentone

    @Lucio
    buonismo puro e semplice: non stavi parlando di me…che pena

  • DaMica

    Giusè tranqui :D
    Se uno fa uno scherzo è ovvio che deve essere fatto bene, se no non sarebbero scherzi, sarebbe “pubblicare panzane”, tipo Cronaca Vera ahahah dove il Primo d’ Aprile è tutto l’ anno. Gli scherzi d’ Aprile li fanno tutti i siti, seri o non seri che siano, per quanto riguarda questo di TAL bastava leggere il link , ma anche leggere i commenti, semplicemente. :) E’ solo perspicacia e basta, poi se uno ci casca, dopo qualche giorno si spera che lo capisca che è una burla e che questo gli strappi un sorriso, UN GIORNO all’ anno.
    C’è anche da dire che l’ italiano medio non brilla di perspicacia visto che è cascato in una burla colossale e s’è n’è accorto dopo 17 anni, ma vabbè, quella è un altra storia. :D ah

    PS Sinceramente nel commento di Lucio avevo capito proprio che “bachettoni” si riferiva in generale ai siti che nemmeno per il Primo d’ Aprile si lasciano andare ad un sorriso…
    Immaginando di classificare i giornali da loro tipo di politica di pubblicazione articoli
    1.Bacchettone
    2.Serio
    3.Giornale di panzane
    TAL si trova nella scala 2. visto che scrive articoli seri ma non è un sito talmente “bacchettone” da non lasciarsi andare almeno UN GIORNO all’ anno agli scherzi.
    Comprì? Magari prima di offendere le sorelle degli altri prova ad aprirti un po’ di più alla comprensione del testo :D eheheh

  • Massimo

    Io credo che sopravvalutiate la “autorevolezza” del Sole…

  • nicola

    Giuseppe
    pero sinceramente non é che tutti stanno a verificare le cose che scrivi e sono cosi geeky experts da capire che é una burla…
    e lo dico proprio perche TAL é oramai, a mio parere, uno dei piu noti blog su Apple, e non mi apsetterei di dover fare double check per vedere se le news sono vere o false.

    Il giornalismo è il contrario di quanto da te scritto. Non tutti stanno a verificare? I giornalisti hanno il dovere di verificare. Il double check lo deve fare chiunque voglia informarsi a modo e correttamente. Se tu lettore non fai double check amen, ma se non lo fa chi è pagato per farlo, e per di più in un giorno in cui, chi frequenta un attimino internet (e un giornalista che si muove online internet la frequenta), è grave.

    Tu compri un solo giornale o consulti un solo sito? Quando leggi una notizia la prendi per oro colato e non verifichi oltre? Dai su su.

    Inoltre, come ti ha detto Camillo, è il primo di aprile. Io appena ho visto la data me ne sono reso conto. Per conferma è bastato cliccare sul link e l’unico dubbio che avevo era se il link mi avrebbe riportato a wikipedia o ad una immagine di un boccalone.

    Stupendo post.

  • Siete stati bravissimi! Molti complimenti e tanta solidarietà. Domani vi bloggo. :)

  • @ Lucio Bragagnolo:
    Sei davvero tu?? Questo sì che è un onore!

  • Pingback: Anche passati tre giorni… | Script | iCreate()

  • Vi stimo, fratelli :)
    Grazie per non avermi massacrato troppo….
    Valeria, Shops & The City

  • JNK

    Ti stimo fratello!!

    raga siete stati geniali e successivamente…. dei grandi

  • JNK

    ps.. cacchio.. la mini con la roulotte mi piaceva!!! che sfiga!
    hahahahahahha

  • @ Lucio Botteri:

    Non esageriamo. :-) Ancora complimenti!

  • Pingback: Che male fanno i giornalisti che scrivono superficialmente di hacking? « Gilda35()

  • Pingback: Che male fanno i giornalisti che scrivono superficialmente di hacking? | Un altro orizzonte()