Apogee abbandona Windows

di Tiziano Dal Betto 21


In una nota pubblicata sul suo sito, la Apogee Electronics,  ha annunciato che smetterà di produrre prodotti per la piattaforma Microsoft Windows, concentrandosi esclusivamente sul mercato Mac.

Apogee Electronics, che produce sistemi audio digitali professionali ha deciso di concentrare la ricerca, lo sviluppo e il supporto di risorse sulla piattaforma Apple, a causa della sua ineguagliabile potenza e stabilità, come si legge nella nota.

Apple offre infatti una vasta gamma di prodotti multimediali con potenti soluzioni sia desktop, che laptop, ideali per la creazione musicale e la produzione audio.

Apogee continuerà a supportare i sistemi in essere su Windows Service Pack 2, ma d’ora in avanti svilupperà solo convertitori, microfoni preamplificati, soluzioni di sincronizzazione e tecnologie che porteranno la qualità dei sistemi audio di prima classe Apogee solo su piattaforma Apple.

Gli utenti Windows che vogliono utilizzare i sistemi ad alta qualità di Apogee, dovranno fare uso di speciali convertitori.

Questa notizia fa riflettere: in un’epoca in cui sempre più persone effettuano in cosiddetto switch verso i sistemi Apple, ora anche un’azienda compie lo stesso passo, abbandonando il pur redditizio mondo basato sul sistema operativo di Redmond, per approfittare della maggiore affidabilità dei prodotti della Mela in applicazioni che non consentono di fare affidamento su sistemi che, pur a costo inferiore, non offrono l’affidabilità necessaria.

Vi ricordate la magra figura fatta da Microsoft all’apertura delle Olimpiadi di Pechino 2008, quando un maxischermo ha proiettato la blue screen of death di Windows? Immaginate di essere ad al concerto del vostro cantante preferito e, tutto ad un tratto, la base computerizzata si incanta. Risultato: tutto bloccato per svariati minuti per restartare tutto…

Ormai, schede audio di alta qualità sono disponibili anche per computer con Windows. Se ne parlava qualche tempo fa su queste stesse pagine nei commenti di un articolo di Carlo Ballantini. E’ questione di preferenze personali. Tuttavia la stabilità e l’affidabilità di un sistema Apple rispetto ad un PC Windows è indiscutibile.