Apple Store: altre tre inaugurazioni e un nuovo super progetto

di Andrea "C. Miller" Nepori 1

Quando Apple ha annunciato durante l’ultima conference call dedicata ai risultati finanziari che entro la fine del 2011 fiscale sarebbero stati inaugurati più di 30 Apple Store nel mondo, devo dire la verità, sono rimasto un po’ scettico. A giudicare dalla frequenza con cui fioccano gli annunci di nuove inaugurazioni ogni settimana devo però seriamente ricredermi. Questo sabato toccherà a 3 nuovi punti vendita, uno in Spagna, l’altro in Inghilterra e infine uno nella natia California.
Nel frattempo, mentre è tutto pronto per l’inizio dei lavori all’interno della Grand Central Terminal di New York e il cubo della Quinta Avenue è in ristrutturazione, Apple ha depositato un nuovo progetto per uno spettacolare Store “a tutto vetro” a Santa Monica, sulla Third Street Promenade.

Le inaugurazioni previste per sabato sono queste:

  • Apple Store Pasquesur di Leganés, alla periferia di Madrid
  • Apple Store Festival Place di Basingstoke, alla periferia Sud di Londra
  • Apple Store 4th Street a Berkeley, East San Francisco Bay

Con questi tre Store il computo dei punti vendita della Mela aperti nel mondo arriva a 339.

Mentre continuano le inaugurazioni non si fermano neppure i progetti per nuovi spettacolari punti vendita. L’ultimo, in ordine di apparizione, è quello della Third Street Promenade di Santa Monica. Ancora una volta è il vetro a farla da padrone, in una struttura che ricorda da vicino quella del più nuovo Apple Store di New York, aperto nell’Upper West Side.
Il progetto non riporta indicazioni circa il committente, ma dai disegni preliminari (visibili nelle due foto di questo articolo) è chiarissimo che quello che viene proposto al consiglio comunale di Santa Monica non è una filiale della Best Buy.
L’Apple Store avrà un unico piano sovrastato da un enorme soffitto in vetro e andrà a sostituire un punto vendita Borders che attualmente consta di ben tre piani. C’è anche un ampio seminterrato (probabilmente dedicato ad aree per la clientela e al magazzino) e si vocifera di incentivi che i dipendenti del negozio potranno ricevere per recarsi al lavoro esclusivamente in bicicletta o con i mezzi pubblici.

[Curbed L.A. – via]