Reface, l’app innovativa da milioni di download

di Giovanni Tripodi Commenta

Reface, storia di un successo mondiale

Lo sviluppatore Android attivo dal 2019 ha lanciato questa particolare app chiamata Reface. Una delle App più amate dai giovani di tutto il mondo, Reface è diventata in poco tempo popolare: disponibile sia per Android che per Apple, basta scaricarlo dai rispettivi app store.  Reface consente agli utenti di mettere la loro faccia sopra le GIF, film popolari, videoclip musicali di successo e per ulteriori spunti su Reface, basta andare su Navigaweb.net. Per conferire un maggior effetto realistico, l’app raccoglie informazioni dalla foto scelta dall’utente per la GIF; a tale scopo analizza le caratteristiche del viso, quindi le colloca sulla testa di una celebrità in scene di film e altri contenuti.

Reface
Reface

Nel fare questo, Reface App offre una tecnologia all’avanguardia per lo scambio di volti di alta qualità.  Un impegno premiato dato che ad oggi Reface App è molto apprezzata in diversi paesi ed è anche una delle app più popolari in Google Play con milioni di download. La startup ha fondatori ucraini: oltre a Mogylnyi, ci sono Oles Petriv, Yaroslav Boiko, Dima Shvets, Denis Dmitrenko, Ivan Altsybieiev e Kyle Sygyda ma l’azienda è incorporata negli Stati Uniti.

Reface, guida all’utilizzo

“I dati delle caratteristiche facciali vengono memorizzati sul server Reface per un periodo limitato di 30 giorni di calendario dall’ultimo utilizzo dell’applicazione”.

Non appena gli utenti si introducono nell’app, per ottenere la GIF famosa con il loro viso devono compiere alcune attività:

  • Scattare un selfie;
  • Dopo il selfie l’app dovrebbe reindirizzare sé stessa per riconoscere la caratteristica del viso o dovrebbe anche consentire agli utenti di selezionare o ritagliare la regione del viso che desiderano, consentendo anche di ritagliare o selezionare la determinata funzione;
  • La schermata iniziale dovrebbe contenere alcuni video popolari in cui gli utenti possono essere autorizzati a scambiare il proprio volto con i video preferiti dall’app. Dovrebbe essere resa disponibile anche una funzione per cambiare i selfie a ogni video o gif suggerito nella home schermata dell’app come l’app Reface;
  • L’opzione per gli utenti di cercare il video o la gif desiderati dovrebbe essere resa disponibile. Se il video che desiderano non è disponibile, deve anche essere resa disponibile un’opzione per caricare il video di loro scelta e poi scambiare il loro selfie.

La funzione di condivisione su più piattaforme social dovrebbe essere resa disponibile; in aggiunta a questa dovrebbe prevedere anche un’opzione per il download per l’app di questo tipo.

Reface e sicurezza, cosa c’è da sapere

Lo sviluppo di queste app mobili si basa principalmente sulla mappatura e sull’acquisizione della funzione del viso, quindi è molto importante assicurarsi che gli utenti si sentano protetti da una forte politica sulla privacy e includendo termini e condizioni. Spesso infatti accade che gli utenti siano preoccupati per la sicurezza di tali applicazioni: secondo la politica sulla privacy di Reface, la società afferma che si potrebbero raccogliere le foto che si scattano con la fotocamera durante l’utilizzo dell’applicazione. Le foto vengono conservate da Reface per 24 ore dopo la sessione di modifica, prima di essere eliminate.

In nessun modo Reface utilizzerà i contenuti caricati per il riconoscimento facciale, poiché Reface non introduce le tecnologie di riconoscimento facciale o altri mezzi tecnici per l’elaborazione dei dati biometrici per l’identificazione o l’autenticazione univoca di un utente.

Reface App consente di sostituire il viso utilizzando l’Intelligenza Artificiale con i famosi video ed ha la tecnologia per riconoscere la caratteristica del viso di una persona e mapparla ad altre gif o video.