Apple rifiuta le applicazioni radio “singole” per iPhone

di Redazione 18

Jobs censura

Da qualche giorno Apple ha iniziato ad escludere dall’App Store le applicazioni che consentono all’utente di ascoltare una sola radio. Lo staff Apple, come motivo della rimozione, ha specificato che

Applicazioni come queste vengono considerate allo stesso modo di applicazioni che producono il suono di un peto, e quindi sono spam nell’iTunes Store

Come denuncia RadioMagOnLine, queste non sono solo minacce ed infatti Apple ha iniziato a rifiutare questo genere di applicazioni già dal 10 Novembre scorso.

Apple continua spiegando che

Non verrà approvata alcun’altra applicazione di ricezione radio a meno che questa non contenga centinaia di emittenti al proprio interno

Le motivazioni di Apple in questo caso, seppur legittime, appaiono buffe e piene di contraddizioni. Apple infatti, all’interno del regolamento riservato ai developer, specifica che le applicazioni presentate non devono contenere metadata che facciano menzione di altri sistemi operativi mobili ovvero quelli dei competitor.

Al contempo l’azienda di Cupertino obbliga però le stazioni radio che vogliono esser presenti in iOS a condividere la stessa applicazione con stazioni radio direttamente concorrenti. Questo non può far altro che creare dissapori all’interno sia della comunità di developer sia all’interno del network di emittenti tutt’ora presenti nell’App Store.

Apple infatti in questo caso manca di coerenza e dovrebbe riservare alle emittenti radio almeno lo stesso trattamento che pretende di riservarsi. È vero che, essendo presenti centinaia di radio via Web, avere centinaia di applicazioni simili può creare confusione ma è anche vero che l’utente dovrebbe aver libertà di sceltae non essere costretto ad utilizzare forzatamente un aggregatore di stazioni radio, sicuramente meno immediato da usare rispetto ad un’applicazione dedicata.

Jim Barcus di RadioMagOnLine afferma inoltre di aver scritto una mail a Jobs in persona lamentandosi di queste problematiche e riporta che quest’ultimo avrebbe risposto

Spiacente, abbiamo preso la nostra decisione

Non è purtroppo possibile verificare la veridicità di questa corrispondenza in quanto non disponiamo di alcuno screenshot.