App Store ha messo in crisi l’industria dei videogiochi?

di Davide Leoni 18

Videogame App Store

Piovono critiche feroci su App Store. Dan O’Leary, fondatore di N-space (azienda specializzata nello sviluppo di giochi per Nintendo DS e Wii, attualmente al lavoro su tre titoli per la console portatile Nintendo) ha dichiarato sul suo blog che il mercato dei videogiochi sta subendo profondi cambiamenti a causa di iPhone.

Nello specifico, App Store avrebbe messo in crisi il mercato dei giochi per Nintendo DS (definito “al collasso”, dallo stesso Dan), cambiando radicalmente le abitudini dei consumatori.O’Leary è stato costretto a licenziare buona parte del personale nei giorni scorsi, a causa della crisi che sta attraversando la sua compagnia. L’azienda è al lavoro su tre progetti molto importanti (Call of Duty Black Ops, 007 Bloodstone e Tron Legacy per DS), tuttavia questo non basta per mantenere in piedi un piccolo studio indipendente.

La forte concorrenza generata dai dispositivi iOS (iPhone, ma anche iPod Touch ed iPad) avrebbe messo in crisi diversi studi di sviluppo. Solamente le grandi major possono permettersi di realizzare giochi ad alto budget (che devono comunque vendere milioni di copie per rientrare nelle spese), mentre i team più piccoli sono seriamente in difficoltà.

Secondo Dan, App Store ha avuto sul mercato dei videogiochi lo stesso impatto che iTunes Music Store ha avuto sul mercato musicale. I consumatori si sarebbero spostati in massa verso i giochi per iOS principalmente a causa dei prezzi contenuti.

Coloro che prima acquistavano molti videogiochi, adesso comprano solamente i titoli più attesi ed importanti, ignorando totalmente (o quasi) le produzioni minori per console. Chi cerca esperienze ludiche originali e divertenti a costo ridotto (o addirittura gratis) si rivolge ad App Store, scaricando i titoli gratuiti o acquistando videogiochi completi che “costano meno di un pacchetto di gomme” (testuali parole del boss di n-Space).

Alcuni esempi: Peggle (il mitico puzzle di PopCap), uscito su DS lo scorso anno, viene venduto ad un prezzo variabile dai 29 ai 39 euro, lo stesso gioco per iOS costa appena 79 centesimi. Lo stesso discorso si può fare per Grand Theft Auto Chinatown Wars, disponibile su DS e PSP a prezzo pieno, in vendita su App Store a 7.99 euro, e parliamo esattamente dello stesso titolo disponibile su console.

E’ indubbio però che il mercato dei giochi per iOS stia crescendo molto, come testimonia anche il successo di Gameloft, con più di 20 milioni di titoli venduti dal 2008 ad oggi.