Tips Lounge: ispezione elementi nel Mac App Store

di Andrea "C. Miller" Nepori 4

Da un punto di vista tecnico l’interfaccia del Mac App Store altro non è che un sito web racchiuso in una struttura basata su WebKit, lo stesso engine di renderizzazione delle pagine utilizzato da Safari e Chrome. Una delle caratteristiche di WebKit più utili per i webmaster è senza dubbio la presenza di una console di debug con un inspector avanzato che permette di analizzare direttamente il codice della pagina (e di apportare modifiche on-the-fly in locale).
“Non tutti sanno che…”, come direbbe la settimana enigmistica, quella console si può attivare anche nel Mac App Store. Basta un semplice comando da terminale che aggiungerà la funzione specifica al menu contestuale.

Per attivare l’inspector nel Mac App Store prima di tutto chiudete il negozio virtuale se l’app è aperta, poi lanciate il Terminale e inserite questo comando:

defaults write com.apple.appstore WebKitDeveloperExtras -bool true

Come si evince dalla sintassi, abbiamo detto all’App Store di rendere visibile una funzione ulteriore indicata come “WebKitDeveloperExtras”. Adesso è sufficiente aprire il Mac App Store e cliccare con il tasto destro (oppure fare cmd-click) per ottenere un menu contestuale che fornisce la possibilità di scegliere la nuova voce “ispeziona elemento”. Cliccateci per aprire la console.

I più esperti sapranno già cosa fare con il codice che si trovano davanti. Chi invece non fosse troppo esperto di HTML può divertirsi a spulciare con la certezza di non fare danni e provare a isolare i singoli elementi. Provate ad esempio ad ispezionare un’icona e scoprirete che è possibile risalire direttamente al file immagine utilizzato.
Questo tip funziona sia su Snow Leopard che su Lion. Per disattivare la funzione è sufficiente inserire nuovamente il comando di prima e sostituire true con false alla fine.