Microsoft Office 2008 for Mac: arriva la versione italiana

di Paolo Petrone 4

office2008 immagine

Ufficializzato l’arrivo di Microsoft Office 2008 in versione italiana a partire dal 15 febbraio.

Mentre la versione in lingua inglese è già stata resa disponibile a partire dal 15 di questo mese, per la versione nella nostra lingua madre dovremo attendere ancora un mese.

L’ufficio stampa di Microsoft Italia ha inoltre comunicato i prezzi “consigliati” di commercializzazione della versione italiana. Molte le critiche avanzate verso Microsoft per la forte disparità di prezzi tra USA e Italia.


Queste le varie versioni divise per fasce di prezzo:
Office 2008 for Mac Special Media Edition (€684,90; €449,90 per l’upgrade).
Office 2008 per Mac (€549,90; €329,90 per l’upgrade)
Office 2008 for Mac Home and Student Edition (€139,90)

Come sottolinea Fabio Zambelli di SetteB.it, è incredibile notare con quanta facilità Microsoft abbia “gonfiato” i listini italiani rispetto alle contro-offerte statunitensi.
La versione più completa, la Office 2008 for Mac Special Media Edition, ad esempio, costa negli USA circa $500, poco meno di €340 al cambio, la metà rispetto a quanto è offerta qui in Italia!
Mentre la sola versione più economica riservata agli studenti è offerta, negli USA, a prezzi più “normali”: $150, che restano pur sempre pari a poco più di €100, con un rincaro di ben 40 euro per gli studenti italiani.

Senza dimenticare che iWork ’08 costa solo 80 euro!

powerpoint immagine iphoto

Come vi avevamo già anticipato in un nostro precedente articolo, tutti i pacchetti comprendono ovviamente Word, Excel e PowerPoint, oltre ad Entourage e Messenger. Si tratta di versioni Universal, compatibili sia per macchine PPC che Intel.

Vi ricordiamo che la nuova suite d’ufficio di Microsoft introduce i nuovi formati .docx, .docm, .pptx, .ppsx, .potx.
Per convertire questi formati con i vecchi formati compatibili con le precedenti versioni di Office, è indispensabile l’utilizzo di alcuni software di conversione come Office Open XML Converter di cui vi abbiamo già parlato in una nostra precedente recensione.