What’s keeping me?: applicazione gratuita per scoprire i files in uso e non cancellabili

di Nicola Strumia 3


Nome: What’s Keeping Me
?
Tipologia: Utility – Licenza: Freeware
Requisiti: Mac OS X Tiger 10.4 o successivo

What’s Keeping Me? è una comodissima applicazione gratuita (è comunque gradita una donazione) che risolve uno dei problemi più classici per chi usa un Mac: l’impossibilità di cancellare files dal cestino o di espellere Dischi dal Finder perché risultano in uso. What’s Keeping Me? esiste da molti anni in ambiente Mac, ma si dimostra sempre valida ed utile, ed è pienamente compatibile per Snow Leopard dalla versione 2.1.

Caratteristiche e funzionamento di What’s Keeping Me Help?

Quante volte vi sarà capitato di tentare di svuotare il cestino o semplicemente di espellere un disco montato sulla scrivania del vostro Mac ed il Finder vi risponde con il fastidiosissimo messaggio di avviso che l’operazione non può completarsi perché il file è attualmente in uso ? Si ma da chi ? Nella maggior parte dei casi non siamo in grado di dare un risposta a questa domanda.

What’s Keeping Me? è un software gratuito per Mac sviluppato proprio per individuare quale applicazione tiene aperto il file in questione e nel caso per “killare” l’applicazione per portare così a compimento l’operazione che stavamo effettuando.

What’s Keeping Me? include anche un comodissimo flusso per Automator che permette di effettuare la ricerca direttamente dallo stesso Finder (vedi più avanti).

La finestra principale di What’s Keeping Me? presenta in alto il campo di ricerca in cui immettere il nome del file aperto o del disco montato. Una volta premuto il pulsante Search viene restituito l’elenco dei processi che tengono aperti i vari file.
L’elenco è ordinabile per le colonne presenti:

  • nome del processo
  • il suo ID
  • il percorso al file sul nostro disco rigido

Una volta selezionato il processo, attraverso i tre pulsanti in alto a destra, possiamo chiudere l’applicazione, chiuderla e rilanciarla, o uccidere il processo.

A questo punto dovremmo essere in grado di svuotare il cestino senza problemi.

Nel caso What’s Keeping Me? non fosse riuscito ad individuare il “colpevole” possiamo effettuare una ricerca più ampia, agendo come utenti amministratori attraverso il checkbox in basso a sinistra (naturalmente è richiesta la password di admin). La lista dei risultati ottenuti sarà più completa.

Il pulsantino con la freccia in basso a destra invece permette l’apertura del pannello aggiuntivo laterale con le funzionalità avanzate.

Questa risulta essere una feature molto comoda perché permette di individuare i file in modo rapido. Il pannello laterale è suddiviso in due colonne: nella prima troviamo elencati tutti i volumi montati al momento sul nostro Mac, mentre sulla sinistra i File presenti nel Cestino.
Un doppio clic ad esempio su uno dei file presenti nella lista di destra, permette l’inserimento automatico del suo nome nel campo di ricerca della finestra principale e di conseguenza anche di avere restituiti i risultati della ricerca.

La lista dei Dischi Montati si autoaggiorna nel momento i cui nuovi dischi vengono montati o altri vengono espulsi. Al contrario, la lista dei File nel Cestino, va aggiornata manualmente col pulsante Reload Tables.

Nel pannello laterale aggiuntivo, troviamo un menù a discesa Tools che contiene altre funzionalità come la lista di tutti i files aperti e la ricerca di tutti i processi che hanno una connessione di rete aperta (Show Processes with Open Network Connections).

La terza voce nella lista dei Tools aggiuntivi installa (o rimuove) il flusso di Automator che permette di effettuare il controllo sui singoli file selezionati nel Finder attraverso la nuova voce installata nel menù Servizi.

What’s Keeping Me? è un’applicazione Universal Binary pertanto può essere utilizzata, oltre che sui Mac Intel, anche sui Mac PPC.

What’s Keeping Me?, versione 2.2, pesa 942 Kb ed è stata realizzata da HAMSoft Engineering.