Rayman 2: The Great Escape, la recensione

di Gospel Quaggia 2

Nome: Rayman 2: The Great Escape
Categoria: Giochi – Voto: 9.5/10
Costo: 5,49€ – Piattaforma: iPhone e iPod touch
iTunes Link

Dopo avervelo mostrato in anteprima, è ora di recensire questo gioco uscito da poco in App Store per iPhone ed iPod touch. Dico subito che Gameloft sembra aver fatto un ottimo lavoro, come d’abitudine. I dettagli dopo il salto.

Qualche breve cenno alle caratteristiche del gioco, completamente in 3D, con 45 ambientazioni diverse. Lo scopo del gioco è liberare il mondo di Rayman dai pirati che hanno imprigionato i suoi amici. Dovremo quindi liberarli, acquisendo man mano nuovi poteri che ci aiuteranno nell’impresa.

Il gioco è fatto veramente molto bene, con una grafica molto bella e curata e, a dispetto del suo peso, si carica molto velocemente e si riesce a giocare in modo molto fluido anche su iPhone 3G. Un po’ meno su iPhone 2G, ma comunque accettabile. Rayman viene controllato tramite un pad virtuale sensibile al tocco, con due tasti per il pugno magico e il salto, secondo una tecnica ormai piuttosto collaudata. E infatti i comandi rispondono in modo preciso ed efficace. In alcune ambientazioni è abbastanza facile perdere l’orientamento, ma è soprattutto una questione di abitudine; facendo un doppio tap sullo schermo si cambia visuale, passando a quella in prima persona (statica però), consentendoci di dare un’occhiata a dove siamo in modo più preciso.

Il gioco è molto divertente e promette una buona giocabilità nel tempo. Se proprio devo trovare un difetto, all’inizio è piuttosto “lento”, con molti filmati che spiegano la situazione e poca azione di gioco. Ovviamente è un parere personale, ma avrei preferito un livello “tutorial” con le spiegazioni in corsa. Nulla di troppo grave, comunque, basta prendersi un po’ di tempo e si è pronti ad entrare nel vivo dell’avventura che non mancherà di divertirvi per parecchio tempo.

La ricchezza delle ambientazioni aiuta a non annoiarsi e anche le varie azioni da compiere con Rayman contribuiscono al divertimento. Molto divertente lo sci d’acqua, obbligatorio per superare alcuni livelli.

Rayman 2: The Great Escape merita un voto alto, senza nessun dubbio. Al momento il gioco non mi pare tremendamente difficile, una volta capiti alcuni meccanismi diventa piuttosto semplice proseguire. Ovviamente non sono ancora arrivato fino in fondo, ma l’impressione per ora è quella. Non voglio essere frainteso, però, non è nemmeno semplicissimo. Lo trovo molto ben bilanciato, in grado di divertire molto, ma senza frustrazioni eccessive.

Buon divertimento.