Sono queste le prove che faranno perdere Samsung?

di Andrea "C. Miller" Nepori 39

Fra i testimoni sentiti al processo Apple VS Samsung non c’erano solamente Phil Schiller e Scott Forstall, ma anche il Chief Strategist di Samsung, Justin Denison, che gli avvocati Apple hanno cercato di mettere in difficoltà con alcuni documenti interni particolarmente scottanti.
Altre immagini mostrate dai legali Apple mostrano inoltre come la strategia “iconografica” faccia attivamente parte dell’armamentario dei legali di Cupertino.

Denison è salito sul banco dei testimoni come rappresentate di tre divisioni della compagnia coreana: Samsung Electronics Corp., Samsung Electronics America, e Samsung Telecommunications America.

Dopo i convenevoli di rito, l’avvocato Apple Bill Lee è andato dritto al sodo e ha chiesto a Denison se Samsung avesse provato ad imitare i prodotti Apple.
La risposta, ovviamente negativa, ha innescato la stoccata: Lee ha tirato fuori cinque documenti interni di cui Denison non poteva non essere a conoscenza, i cui “titoli” non lasciano molto spazio alla fantasia e che tradotti suonano così:

  • “Risposta per batter Apple”
  • “Lezioni apprese da Apple”
  • “Perché dovreste preoccuparvi di Apple”
  • “Recente progetto di analisi su Apple”
  • “Contro-strategia in risposta all’iPhone 5”.

Ma il vero asso nella manica l’avvocato Lee lo ha tenuto per ultimo. E’ un documento intitolato “Rapporto valutativo di confronto fra S1 e iPhone”, dove S1 è ovviamente il Samsung Galaxy S1. Il tutto datato marzo 2010.
Ed eccola qui di seguito una pagina di quel rapporto (via Fortune):

Nell’area riservata ai suggerimenti per il miglioramento del dispositivo compaiono, irrefutabili, richieste di maggiore avvicinamento all’aspetto dell’iPhone.
Quel che emerge chiaramente è che all’interno di Samsung vi fosse chiaro l’intento di prendere l’iPhone ad esempio, con tanto di analisi dettagliate atte a sviscerarne tutti gli aspetti che ne caratterizzano il design.

La frase più compromettente è certamente l’ultima: “Rimuovere la sensazione che il menu di icone dell’iPhone sia copiato differenziandone il design”. Come dire: sappiamo che così com’è TouchWiz sta palesemente copiando l’iPhone.

In un altro documento, Apple adduce prova fattuale, documento Samsung alla mano, che la confusione fra prodotti Samsung e prodotti Apple esiste ed è stata indotta nel consumatore a più riprese, tanto che in un alta percentuale di negozi Best Buy molti clienti hanno restituito dispositivi Samsung perché pensavano di aver comprato un iPad 2.

Per fare ancora maggior presa sulla giuria i legali Apple fanno inoltre ampio affidamento alle immagini, con diverse declinazioni del medesimo tema del confronto fra l’aspetto dei telefoni Samsung prima e dopo l’iPhone. Ecco di seguito altri tre esempi, evidenziati da All Things Digital.

Una versione rinnovata del confronto fra i dispositivi Samsung e l’iPhone:

Un’altra immagine analoga, più dettagliata e con tutta l’evoluzione del telefono Apple a confronto con l’evoluzione dei prodotti Samsung (clic per vederla più grande):

Infine ce n’è anche per i tablet, rei di aver copiato l’iPad, messi a confronto anche con i tentativi di approccio al mercato della concorrenza.