Samsung: iPad contribuisce al calo del prezzo della RAM

di Luca Iannario 4

Secondo un rapporto stilato da Samsung Electronics nella giornata di ieri, il calo delle vendite di PC fissi potrebbe avere come conseguenza un taglio dei prezzi per i chip di memoria.

Come riporta AppleInsider, citando la fonte Reuters, i prezzi delle memorie dinamiche (DRAM) potrebbero crollare a causa di un’offerta ben più generosa rispetto alla domanda di mercato. Una delle cause dirette di questo eccesso di produzione è da ricondurre alla presenza (sempre più evidente) di dispositivi come iPad di Apple che usano molta meno DRAM rispetto ai PC tradizionali.

Nell’articolo citato si parla di un futuro calo drastico dei prezzi delle memorie RAM. “Le vendite di PC”, si legge nell’articolo, “attraversano un brutto momento dato che i clienti ne ritardano l’acquisto e scelgono i più piccoli tablet computer, i quali utilizzano meno DRAM rispetto ai sistemi desktop e notebook. Il nuovo dispositivo sta guadagnando terreno dopo che Apple ha introdotto l’iPad e i produttori come Samsung, Nokia, LG e Dell si stanno dando da fare per conquistare una fetta del mercato emergente”.

La tendenza di “abbandonare” i PC tradizionali per questi dispositivi molto più piccoli e comodi da portare con sè causerà un eccesso di scorte di memoria RAM, che ne provocherà l’inevitabile taglio dei prezzi. Secondo l’articolo, Samsung corre ai ripari e sta valutando l’impiego di 30 trilioni di won sud-koreani (circa 25 miliardi di dollari) da investire in nuovi chip come “preludio alla sovrabbondanza di DRAM nel prossimi trimestri”.

Le statistiche, quindi, potrebbero confermare le parole di Jobs, il quale ha previsto che i dispositivi come iPad sono parte della “scomoda” transizione verso l’era post-PC. In un futuro non troppo remoto, i tablet potrebbero rimpiazzare l’idea di PC nell’immaginario collettivo.

[via]