KimDotcom fa concorrenza a iTunes, Google Play e Spotify con Baboom

di Lorenzo Paletti Commenta

baboom-title-730x410

In un mercato che sembra avere già tutto da offrire, con Spotify, Pandora e iTunes Radio, solo un pazzo proverebbe a lanciare un nuovo servizio per l’ascolto gratuito di musica. Quel pazzo, in questo caso, è uno che ha fatto notizia spesso per le sue idee bislacche. Si tratta di KimDotcom, papà di Megaupload e Mega.co.nz, che ha dato un assaggio di Baboom.

Baboom, come una esplosione, è il nome del servizio di streaming che KimDotcom intende avviare durante il 2014. Kim ha però pensato di dare un assaggio di come funzionerà (e apparirà) il servizio tramite una pagina che sponsorizza il suo ultimo album (sì, perché il signor Dotcom scrive anche canzoni) intitolato Good Times.

L’album, che è già possibile acquistare su iTunes Store e Google Play Store, è disponibile anche su Baboom in MP3, Flac e WAV. Oltre a questa ampia scelta nel formato, Baboom permette anche di visualizzare fotografie, interviste, aggiornamenti “social” e molto altro riguardo il proprio artista preferito. Gli utenti possono seguire l’account Twitter dell’artista con un clic direttamente da Boboom, che si navigherà con una barra laterale arricchita di funzioni come ricerca e your music library, attualmente non disponibili.

KimDotcom, però intende dare una nuova impostazione a Baboom. Se si prova ad acquistare l’album di Kim si viene infatti spediti su iTunes, Google Play o Bandcamp, mentre la musica scaricabile da Baboom è completamente gratuita. Kim spiega il motivo in un video:

La mia idea è che l’artista debba rendere la sua musica disponibile gratuitamente, e i fan dovrebbero pagare solo se la apprezzano veramente. Quindi proverò a dare l’esempio.

Kim ha quindi rilasciato gratuitamente l’album sul suo sito, invitando gli utenti ad acquistarlo e renderlo il primo in classifica sugli altri negozi per dimostrare che il suo modello commerciale può funzionare.

Vedremo se anche le etichette discografiche e gli artisti che lavorano con queste saranno disposti a seguire il passo di Kim.

[via]