iPad: raccomandazioni sul design delle App

di Gospel Quaggia Commenta

Se siete interessati allo sviluppo di App per iPad, internet è già ricca di risorse che fanno per voi, ivi incluse raccomandazioni sul design dell’interfaccia, modelli di icone e gallerie di esempi. Le stesse persone che hanno amato l’interfaccia di iPhone stanno pensando a 1024×768 motivi per trasportare il tutto sul più grande schermo di iPad.

Primo fra tutti, Gizmodo sottolinea alcune delle Human Interface Guidelines (HIG) di iPad rilasciate da Apple, che suggeriscono agli sviluppatori di utilizzare la filosofia “think different”, tanto per cambiare, e di non pensare semplicemente a qualcosa di più grande. Le App, prima di tutto, devono funzionare a prescindere da come l’utente tiene il dispositivo, in verticale o orizzontale, e devono rimanere semplici e ordinate come quelle per iPhone.

Dovrebbe essere resa semplice la condivisione, sia nel caso in cui più persone utilizzino la stessa App su dispositivi diversi, sia per il trasferimento dei dati da e verso la App stessa. Il Look&Feel ripreso dal mondo reale è molto incoraggiato, creare i contatti o il calendario a forma di libro rende loro una tangibilità altrimenti impossibile. Allo stesso modo le gesture complesse sul multitouch devono essere considerate le vostre migliori amiche, perché semplificano tantissimo l’utilizzo e l’esperienza utente. E anche se iPad di fatto è un computer, non si deve presentare come tale, con particolare riguardo al file system e altri task di gestione.

Segue a ruota Cocoia, che ha generosamente reso disponibile un template in PSD per le icone di iPhone e iPad, dalla più grande a 512×512 pixel alle dimensioni standard per i due dispositivi, comprese le varianti per Spotlight e barra del menu.

Ultimo, ma non ultimo, lo sviluppatore Frasier Spears ha creato in modo a dir poco certosino una galleria su Flickr di ogni particolare dell’interfaccia di iPad di cui è riuscito a fare uno screenshot, presentandole con un commento.

Non c’è modo migliore di iniziare che vedere cosa ha fatto Apple finora.

[via | The iPhone blog]