Intel svela i processori dei prossimi Mac

di Lorenzo Paletti Commenta

Durante la IFA 2015 a Berlino, Intel ha presentato la nuova generazione di processori, chiamata Skylake, che sarà montata sui prossimi MacBook Pro, MacBook 12'' con Retina Display, iMac e Mac Mini.

4th_Generation_Intel_Core_Open_Intel-640x454

Intel ha da poco svelato i nuovi processori (generazione Skylake) che saranno montati all’interno dei prossimi Mac. Mostrati al mondo per la prima volta durante la IFA 2015 di Berlino, i chip di sesta generazione dovrebbero fornire performance CPU e GPU sensibilmente migliori rispetto alla precedente generazione, senza inficiare negativamente sulla batteria e i consumi energetici.

I nuovi chip saranno verosimilmente montati sulle nuove generazioni di MacBook, MacBook Air, MacBook Pro e iMac che saranno rilasciate da Apple nei prossimi mesi.

La nuova linea di processori Core M potrebbe essere appropriata per il MacBook Retina da 12 pollici presentato quest’anno. Con un minore consumo energetico, la batteria del computer potrebbe arrivare a 10 ore di autonomia, guadagnando il 10–20% di velocità in termini di CPU e 40% in termini di GPU.

I nuovi chip i5 e i7 a 15-watt potrebbero essere montati invece sulla nuova generazione di MacBook Air. I processori da 1.8 e 2.2 GHz con Turbo Boost fino a 2.7 e 3.2 GHz integrano la GPU Intel Graphics 540 e potrebbero migliorare le performance CPU del 10% e GPU del 34%.

I nuovi chip i5 e i7 a 28-watt sono invece la soluzione migliore per i prossimi MacBook Pro con Retina Display. I processori a 2.9 GHz e 3.3 GHz (Turbo Boost fino a 3.1 e 3.4 GHz) monteranno la grafica integrata Intel Iris Graphics 550 perfetta per il Pro Retina 13’’. Questi chip potrebbero anche essere utilizzati nei nuovi Mac Mini.

I nuovi MacBook Pro con Retina Display da 15’’ potrebbero invece attendere un po’ più a lungo. Intel non ha presentato chip di nuova generazione con una GPU integrata della potenza richiesta da Apple per i suoi portatili da 15’’. Ci si aspetta che questi chip vengano introdotti all’inizio del 2016.

[via]