I Radiohead stanno meglio senza iTunes Music Store

di Michele Milanese 3

radiohead_in_rainbows2.jpg

Qualcuno mi aveva dato del pazzo, per il mio articolo sulla crisi profonda dell’iTunes Music Store.

E più di qualcuno aveva dato dei pazzi ai Radiohead per aver venduto il loro disco in formato digitale con una semplice offerta libera.

Ma anche questa volta la ragione va a quelli che la pensano diversamente!

radioheadtom_yorketifbig.jpg

Sembra infatti che la band inglese abbia raccolto una media di 2,26$ per album scaricato.

E se vi sembra un pessimo risultato, se confrontato con i 9,99$ richiesti dall’iTunes Music Store per un album intero, calcolate che di quei 10 dollari solo un decimo vanno agli artisti.

Conclusione: i Radiohead, furbi furbi, hanno raddoppiato il loro guadagno per album venduto.

Un esperimento, il loro, che aveva suscitato clamore, soprattutto nell’ambiente delle Major e degli amanti della Apple, che credevano fortemente nel fallimento del tentativo. E invece come ci ritroviamo? Con la Emi che accusa Apple, le altre major che comunque non se la spassano, Amazon che tenta il colpaccio con un servizio analogo ad iTunes Music Store ed i Radiohead che, nella migliore tradizione, si fanno tutto in casa e vincono a man bassa.

Sia chiaro: iTunes Music Store non è ancora in crisi, ma stanno aumentando gli episodi che denunciano come il suo sistema di vendite non possa essere sostenuto in eterno e che richieda una buona dose di flessibilità per essere adattato alle sempre variabili situazioni del mercato internazionale.

Una flessibilità che Apple ha sempre dimostrato di non gradire…